Fratelli d'Italia: "Sanità la stessa mozione del consiglio regionale a Senigallia viene bocciata"

fratelli d'italia senigallia 20/04/2018 - Come è strana a volte la politica. La stessa identica mozione viene presentata Al Consiglio comunale di Senigallia e al Consiglio Regionale Marche.

A Senigallia neanche viene presa in considerazione, nel Consiglio Regionale si e anche approvata all’unamità! Secondo Voi, che ci leggete, cosa vuole dire questo? La risposta non è difficile, la Regione ha operato usando il buon senso, il Consiglio comunale di Senigallia no, ha operato secondo una logica molto brutta, che è quella di bocciare, o di non considerare, tutto quello che l’Opposizione presenta, tranne ovviamente se chi lo presenta, dell’opposizione, è “legato” a loro. Di fatto il Sindaco e il Consiglio comunale di Senigallia, ancora una volta escono “sconfitti” dalla loro aberrante “logica politica” che nulla ha a che vedere con il buon senso. Di sicuro non ci fanno una bella figura perché è la Regione Marche stessa, a guida PD, a sconfessare il Sindaco e il Consiglio comunale, anche esso a guida PD.

La mozione in questione era stata elaborata da “Energie per Senigallia” nella persona di Massimo Bello, dal “Comitato a difesa dell’Ospedale e del Diritto alla Salute” nella persona di Serenella Curzi, e dalla “Unione Nazionale Consumatori Marche” nella persona dell’Avv. Corrado Canafoglia, e inviata a tutti Consigli comunali del nostro territorio e a tutti i Consiglieri regionali. Mentre a Senigallia il Sindaco e la maggioranza continuano a dire che “non esiste” un problema Ospedale a Senigallia, la Regione Marche, con il voto all’unanimità, dice l’esatto contrario, ossia che il problema esiste e che quindi vanno riviste molte cose dell’organizzazione sanitaria che proprio la Regione Marche aveva impostato. E’ sotto gli occhi di tutti che il nostro Ospedale è stato depotenziato e che le problematiche sono tante.

Tanto per dirne una, oggi, 20 aprile, dalle ore 09.00 la TAC è ferma per manutenzione come scrive il Dirigente in una circolare. Guarda caso oggi è venerdì, come è quasi sempre venerdì quando la TAC inizia a non funzionare. E comunque, al di là del “venerdì”, la nostra TAC forse conta più giorni che è rotta rispetto a quelli che è operativa. Non si possono sottacere le disfunzioni così come il depotenziamento del nostro Ospedale. Fratelli d’Italia di Senigallia continuerà quindi ad affiancare gli amici della Lega, così come l’Associazione di Massimo Bello, il Comitato a difesa dell’Ospedale di Serenella Curzi e l’Unione Nazionale Consumatori Marche dell’Avv. Corrado Canafoglia, in tutte le battaglie che vorranno intraprendere per cercare di migliore l’attuale “stato” della Sanità locale.

Va detto e va rimarcato che la loro azione, fatta tramite una mozione, ha portato ad un risultato che forse non era auspicabile, ma che invece ha messo un bel “paletto” perché di fatto oggi è la Regione stessa a certificare le problematiche del nostro Ospedale. Ospedale che interessa tutte le Valli del Misa e del Nevola, quindi un bacino di utenza già “pesante” normalmente, ma che in estate si raddoppia se non addirittura si triplica in alcuni momenti.

Marcello Liverani - Coordinatore Fratelli d’Italia di Senigallia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2018 alle 20:34 sul giornale del 21 aprile 2018 - 391 letture

In questo articolo si parla di politica, fratelli d'italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTN2