Vivere a 4 zampe: il Coniglio nano

18/04/2018 - Il Coniglio nano è un piccolo mammifero erbivoro e fa parte della famiglia dei Lagomorfi.

In natura vive in gruppi strutturati e numerosi perciò è un animale assai socievole, bisognoso di interagire e in grado di affezionarsi non solo all’uomo ma anche ad altri animali conviventi di specie diverse. Come tutti gli animali che in natura vivono in tana, il coniglio è molto pulito e facilmente addestrabile all’uso della cassetta igienica: in tana sporca solo in luoghi stabiliti o all’aperto! La sterilizzazione permette la convivenza pacifica di più esemplari ed elimina il rischio di marcatura del territorio con feci e urina.

Dove tenerlo - La gabbia deve essere spaziosa (almeno 80 cm di lunghezza), solo in questo caso il coniglio avrà la possibilità di avere zone ben definite per il cibo, il riposo e per i bisogni fisiologici. Dovrà avere un fondo pieno, lavabile, da coprire con uno strato di materiale assorbente adatto a questi animali, potenzialmente commestibile, privo di polvere e odori eccessivamente forti. Ottimi in questo senso il pellet di segatura pressata o di carta di giornale e il tutolo di mais. Il coniglio ha assoluto bisogno di uscire con regolarità dalla gabbia. È possibile attrezzare una stanza a misura di coniglio proteggendo i cavi elettrici, rimuovendo oggetti e cose pericolose (i detersivi, per esempio) e mettendo al sicuro tutto ciò che può essere facilmente rosicchiato o danneggiato.

Alimentazione - I conigli hanno una digestione particolare, vivono essenzialmente di erba e vegetali che speciali batteri dell’intestino trasformano in sostanze nutritive. L’utilizzo di miscele contenenti semi e fioccati di cereali in grandi quantità rischia di farli ingrassare e di creare proliferazioni intestinali di batteri nocivi. Inoltre un cibo eccessivamente friabile non consumerà correttamente i suoi incisivi e molari con il rischio di patologie dentarie anche gravi. Il coniglio andrà quindi alimentato con fieno, erbe essiccate, vegetali freschi somministrati asciutti e a temperatura ambiente. Piccole quantità di mangime in pellet o misto, povero di cereali e adatto all’età e allo stile di vita dell’animale, qualche pezzetto di frutta o snack a basso contenuto calorico come premio. Attenzione ai cambi di alimentazione, soprattutto quando il coniglio è cucciolo per evitare il rischio di pericolosissime dissenterie. I nuovi alimenti andranno offerti uno per volta e in quantità crescenti.

Salute - Dopo i due mesi il coniglio dovrebbe essere vaccinato contro due gravi patologie, la mixomatosi e la malattia emorragica. In occasione del richiamo annuale fate controllare lo stato di salute con particolare attenzione alla dentatura. Le razze principali sono: Nano colorato da 0,7-1,1 kg. Polacco o Ermellino da 0,7-1 kg. Testa di leone da 1,3-1,7 kg. Ariete da 2-2,2 kg. Olandese da 2-2,2 kg. Nano Rex da 1,7-2 kg. Himalaya da 1-2 kg. Angora Nano da 1,2-1,5 kg.





Questo è un articolo pubblicato il 18-04-2018 alle 18:11 sul giornale del 19 aprile 2018 - 962 letture

In questo articolo si parla di attualità, maria antonia martines, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTJy

Leggi gli altri articoli della rubrica Vivere a 4 zampe





logoEV