Siria: l'esercito turco è entrato ad Afrin

siria 18/03/2018 - L'esercito turco e l'esercito libero siriano, coalizione di gruppi ribelli siriani alleati della Turchia, sono entrati domenica mattina ad Afrin, la città a maggioranza curda nel nordovest della Siria assediata oltre due mesi.

Il presidente turco Recep Tayyp Erdogan ha detto che le forze turche hanno preso il pieno controllo della città. L’operazione militare di Ankara contro i curdi siriani di Afrin, denominata "Ramoscello d’ulivo", era iniziata lo scorso 18 gennaio con una serie di bombardamenti aerei, poi proseguita con l'avanzata via terra.

L'obiettivo dichiarato dell'operazione era quello di indebolire e scacciare dalla zona di confine con la Turchia le milizie curde siriane YPG, considerate dal governo turco terroristi e alleati dei curdi turchi del PKK. Erdogan ha detto di non aver invaso la città ma di averla salvata dai terroristi.

Non ci sono dati precisi, ma si stimano che dall'inizio dei combattimenti siano morti quasi 1.000 combattenti e almeno 200 civili. Secondo le Nazioni Unite almeno 50mila persone hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni negli ultimi giorni per sfuggire ai combattimenti.





Questo è un articolo pubblicato il 18-03-2018 alle 17:53 sul giornale del 19 marzo 2018 - 582 letture

In questo articolo si parla di cronaca, turchia, siria, curdi, marco vitaloni, articolo, afrin

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aSMu