Progetto "Le donne migranti raccontano le donne" dell'associazione Le Rondini

Immigrazione 05/03/2018 - In occasione del mese dedicato alle donne, l’associazione Le Rondini Onlus, organizza un laboratorio di autobiografia per donne migranti a partire da martedì 13 marzo alle 16.30, presso i locali dell’associazione in piazza Garibaldi 1 a Senigallia.

Il laboratorio è la seconda tappa del progetto “LE DONNE MIGRANTI RACCONTANO LE DONNE: un futuro da cucire insieme”, sostenuto con i fondi dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese. Un bel gruppo di donne di varia origine, Bangladesh, Pakistan, Afganistan, Tunisia e Nigeria, sta partecipando al corso di cucito e insieme inevitabilmente si ritrovano a raccontarsi le proprie esperienze, a scambiarsi consigli, desideri, progetti. In questa nuova fase, aperta anche a chi non partecipa al corso di cucito, le donne migranti avranno l’opportunità di un luogo in cui riflettere su di sé attraverso la scrittura.

Prendere la parola per raccontarsi è il primo passo per cominciare a cercare il senso delle esperienze vissute, attribuire dei significati agli eventi e costruire delle teorie che li possano spiegare in modo soddisfacente, dedicandosi tempo e spazio. Dopo una prima parte di conoscenza, Maria Rosaria Baldin, docente e formatrice in laboratori e seminari di arte dell'autobiografia, con esperienza ventennale negli sportelli immigrazione della provincia di Vicenza, intraprenderà un lavoro sul proprio nome e poi su volti conosciuti, tempi, spazi, luoghi, oggetti, azioni della propria vita. In una seconda parte si parlerà del viaggio anche come metafora della vita, la valigia, la partenza, la strada, le fermate, l'arrivo: cosa ho trovato, il mio paese ieri e oggi.

Scrivere di sè pertanto aiuta a recuperare i ricordi, imparando da sè stesse e acquisendo consapevolezza delle proprie conoscenze; porta inoltre a confrontarsi con le storie e le scritture delle altre. Il lavoro è individuale, il gruppo sarà lo specchio che riflette i frammenti autobiografici delle corsiste e che permetterà di mettere in risalto le uguaglianze e le differenze di ognuna. Nel laboratorio non si giudica, ma ci si limita ad accogliere le storie che le altre, eventualmente, decidono di donare.

Per chi fosse interessato a partecipare può contattare il centro interculturale Le Rondini: e-mail: lerondinisenigallia@gmail.com, cell.: 348.5569535






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-03-2018 alle 10:38 sul giornale del 06 marzo 2018 - 487 letture

In questo articolo si parla di attualità, associazione, intercultura, centro interculturale le rondini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aSiO