Sequestrato un laboratorio cinese alla Cesanella, denunciato il titolare

Senigallia 20/02/2018 - Proseguono incessanti le attività di controllo dirette ad effettuare mirate verifiche sul regolare impiego di lavoratori nel settore artigianale, all’interno di aziende gestite da soggetti extracomunitari, ma anche ad effettuare le opportune ed approfondite verifiche propedeutiche alle attività amministrative finalizzate al rilascio dei permessi di soggiorno.

Con questi obiettivi una task force composta da personale del Commissariato di Polizia di Senigallia, dell’Ispettorato Provinciale del lavoro di Ancona, del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Ancona e è stata impegnata in ulteriori attività ispettive e di controllo.

In particolare, nel corso dell’attività di produzione, i componenti del gruppo interforze hanno effettuato un controllo all’interno di un laboratorio artigianale in zona Cesanella, dedito al confezionamento di abbigliamento ed in particolare di pantaloni jeans di un prestigioso marchio di moda i cui prezzi, in commercio, si aggirano sui 200 euro a pantalone.

All’interno del laboratorio sono state rintracciate 7 persone, uomini e donne, tutte originarie della Cina, alcune delle quali impegnate nell’attività di lavorazione. I soggetti controllati ed identificati dagli agenti del Commissariato di Polizia sono risultati regolarmente presenti in Italia.

I funzionari dell’Ispettorato Provinciale del lavoro di Ancona hanno effettuato le verifiche circa la posizione lavorativa dei soggetti in quel momento impiegati nella attività di lavorazione, riservandosi la verifica di eventuali violazioni.

Presso questo laboratorio, inoltre, il personale della Polizia ha rilevato gravi carenze sotto il profilo della sicurezza dei luoghi di lavoro. In particolare, è stata riscontrata irregolare tenuta degli estintori, violazioni relative all’illuminazione dei locali, ingombro delle vie di fuga, nonché l’inefficienza di alcuni impianti tecnici la cui presenza è obbligatoria per legge al fine di garantire la sicurezza dei lavoratori.

Considerata l’estrema gravità delle violazioni penali riscontrate, il personale del Commissariato di Polizia di Senigallia ha denunciato il titolare, D.J. cinese di 52 anni, da tempo operante a Senigallia, eseguendo successivamente il sequestro dell’immobile che è stato così posto a disposizione dell’autorità giudiziaria, con apposizione dei sigilli ai locali. Sequestro che si è reso necessario proprio per tutelare la sicurezza delle persone irregolarmente impiegate nelle attività lavorative.

Tale attività di controllo, oltre ai fondamentali accertamenti sulla regolarità della presenza sul territorio dei cittadini stranieri, fino ad oggi, ha consentito al Commissariato di Polizia di Senigallia di sottoporre a sequestro, durante questi ultimi mesi, addirittura cinque laboratori, elevare sanzioni per diverse migliaia di euro e controllare circa 100 soggetti di origine cinese per molti dei quali, circa 25, in assenza di specifici requisiti di legge, si è proceduto a sospendere le procedure per i rilascio del permesso di soggiorno.

Grazie poi all’efficacia del dispositivo interforze del personale impiegato per tale tipo di controlli vengono sfruttate al meglio le competenze tecniche dei diversi Uffici operativi che partecipano, consentendo di procedere a controlli completi ed approfonditi.







Questo è un articolo pubblicato il 20-02-2018 alle 15:39 sul giornale del 21 febbraio 2018 - 4688 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRQ4





logoEV