Minori ridotte in schiavitù: perizia psichiatrica per Alessandro Predieri

20/02/2018 - Sarà sottoposto ad una perizia psichiatrica, ad opera di un pool di tre esperti, Alessandro Predieri, il 31enne senigalliese accusato di violenza e riduzione in schiavitù di tre giovani, tra cui quella che è diventata sua moglie.

Quello che gli esperti dovranno stabilire è se il giovane ai tempi dei fatti contestati, fosse capace di intendere e di volere. A stabilrlo la Corte d'Assise. Il collegio, presieduto dal giudice Giovanni Spinosa, chiamerà tre super esperti a cui verrà conferito l'incarico il prossimo 19 marzo.

La perizia psichiatrica, che giunge dopo l'udienza di diversi testimoni tra cui la mamma di una delle ex fidanzate, costituitasi parte civile nel processo insieme ai suoceri del 31enne indagato, è stata disposta dalla Corte di Assise di Ancona non solo sull'imputato, ma, anche, sulle presunte persone offese e questo per "verificare la presenza di patologie psichiche o di sindromi patologiche che possano aver interferito nell'ambito delle dinamiche relazionali".





Questo è un articolo pubblicato il 20-02-2018 alle 09:11 sul giornale del 21 febbraio 2018 - 6501 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRP1





logoEV