Amici disabili: nasce la prima associazione che tutela i più deboli

17/02/2018 - Si chiama "Amici disabili" è la nuova associazione nata a Senigallia con lo scopo di riunire genitori e famiglie con persone disabili e poter così interloquire in modo univoco con soggetti istituzionali e non solo.

I soci fondatori sono Bertuzzi Maria Cristina, Bizzarri Elena, Cremonesi Roberta, Delmoro Katia, Donninelli Catia, Mancini Nazzareno, Marcellini Maria Paola, Narcisi Rita, Sguera Maria Soccorsa, Zeqiri Majlinda, Il consiglio direttivo è composto da Catia Donninelli (Presidente), Maria Cristina Bertuzzi (segretario), Elena Bizzarri (tesoriere), Maria Soccorsa Sguera e Rita Narcisi (Consiglieri).

I problemi con cui devono costantemente fare i conti i familiari dei disabili sono ostacoli che vanno dalla burocrazia all'indifferenze, tagli della spesa pubblica per servizi destinati ai disabili, e il fatto che un disabile purtroppo "non entra a far parte della socità ma resta per sempre in carico solo alla sua famiglia". I disabili e le loro famiglie sono sempre più soli e soprattutto i figli disabili hanno sempre meno possibilità di integrarsi e rendersi autonomi, per quanto è loro possibile.

"La nostra idea è stata quindi di unirci (disabili ed i loro familiari) ed affrontare alcuni problemi insieme nell’ottica di risolverli -spiega Catia Donninelli- La condizione dei nostri ragazzi ha delle caratteristiche comuni ben precise: la fragilità, la solitudine e la mancanza di autonomia; questa condizione ci ha portato a cercarci, confrontarci per sostenerci e per capire meglio come affrontare la quotidianità, per il bene dei nostri figli. Negli ultimi anni inoltre stiamo assistendo a tagli della spesa pubblica in materia di servizi ai disabili questo ha comportato un ulteriore disagio all’interno degli equilibri familiari. Ci costituiamo in una forma associativa per essere ufficialmente rappresentativi della disabilità, e per poter intavolare un dialogo con i vari soggetti nostri interlocutori preposti, pubblici e privati. Vogliamo essere un laboratorio di idee e progetti concreti che agevolino i disabili e le loro famiglie nella soluzione dei loro problemi favorire i disabili nello sviluppo della autonomia e inclusione sociale nella società, compresa la scuola ed il mondo del lavoro, per garantire il diritto inalienabile ad una vita libera il più possibile indipendente nel rispetto della propria dignità secondo le leggi vigenti. Vogliamo stabilire rapporti di collaborazione con enti locali, centri pubblici e privati operanti nel settore della disabilità".

L'associazione può contare sulla collaborazione dell’ Unione Nazionale Consumatori, associazione che in questi anni si è dimostrata sempre pronta a difendere i cittadini ma anche pronta a progetti concreti. "L’associazione Amici disabili è appena nata e già in tanti stanno chiedendo di aderire (al momento sono circa una quarantina gli iscritti) -spiega l'avv. Corrado Canafoglia dell'Unione Consumatori- Stiamo creando dei gruppi di lavoro, che si occuperanno delle singole problematiche. CI sono mamme, padri estremamente determinati ad aiutare i loro figli. Non cerchiamo pietismo, ma fatti e soluzioni concreti".

Per informazioni telefonare al numero 339.7684642. Per aderire all’associazione inviare richiesta email a: bertuzzimariacristina@gmail.com o donninellicatia@gmail.com





Questo è un articolo pubblicato il 17-02-2018 alle 15:29 sul giornale del 19 febbraio 2018 - 3255 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRMj