Anaao-Assomed Marche ai candidati alle politiche: "Più fondi alla sanità pubblica per essere più europei"

30/01/2018 - Il primo degli incontri organizzato da Anaao-Assomed Marche, associazione di medici con oltre 600 iscritti a livello regionale, ha fatto tappa a Senigallia riunendo i candidati Andrea Cecconi per il Movimento 5 Stelle, Elisabetta Foschi per Forza Italia e Marco Polita per Insieme.

Nel dibattito coordinato dal Segretario Regionale di Anaao-Assomed Oriano Mercante, il punto comune agli interventi è stato quello che il prossimo Parlamento dovrà prevedere più fondi per la sanità pubblicaA oggi sono circa 115 miliardi quelli destinati alla sanità, circa il 6,5% del Pil nazionale. “La media Ocse è dell’8% – ha detto Cecconi – quindi occorre adeguarsi”. Marco Polita ha rivendicato l’impegno della giunta regionale. “Ci sono state 2700 assunzioni e nel 2018 sono previste altre 700 assunzioni”. Critica la Foschi nel ritenere che “il pubblico sembra far di tutto per favorire la sanità privata”.

L’incontro è stato aperto dai saluti del sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi che, rivolgendosi ai candidati, ha chiesto che “gli impegni che ci si prende nei confronti del territorio siano tradotti in misure concrete”. Mario Masella, Segretario dell’Area vasta 2, ha ricordato i problemi del rinnovo dei contratti, fermi al 2009, che non riconoscono la professionalità ulteriormente acquisita nel corso degli anni”.

“Demotivare i professionisti è un peccato mortale – ha ribadito Mercante – e occorre rendersi conto che, senza il cospicuo quantitativo di ore di sostanziale volontariato che il personale medico svolge oltre l’orario di lavoro, la sanità pubblica andrebbe in tilt”. Dove reperire le risorse? All’annoso quesito, Cecconi ha ricordato che “centralizzare gli acquisti sarebbe un ottimo modo per liberare risorse.

La Foschi ha sottolineato che nelle Marche “la mancanza del Piano Sanitario è ormai inaccettabile e la programmazione è fondamentale per razionalizzare le risorse”. Per Polita “la sanità pubblica non è in via di smembramento come alcune forze politiche vogliono far credere e che anche le statistiche internazionali riconoscono al nostro sistema nazionale una posizione di vertice”.

Le prossime tappe del ciclo di incontri sono previste a Fermo, Civitanova Marche, Pesaro ed Ancona con cadenza settimanale e con la partecipazione della cittadinanza e degli elettori che potranno, continuare a porre quesiti ai candidati presenti come accaduto a Senigallia.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2018 alle 18:35 sul giornale del 31 gennaio 2018 - 747 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRcF