Congelamento della doppia preferenza: la rivolta tutta al femminile

26/01/2018 - Si è svolta venerdì 26 gennaio presso la sala dell’Agricoltura della Regione Marche una conferenza stampa in cui il Comitato Promotore della doppia preferenza di genere, la Commissione Regionale Pari Opportunità e l’Assessora Manuela Bora hanno rappresentato la grave situazione di congelamento in cui è stata lasciata ad oggi la Legge approvata dalla Giunta Regionale sull’accesso paritario per uomini e donne alle cariche elettive.

Congelamento ancora più inspiegabile se si prende in esame il regolamento del Consiglio Regionale poiché secondo quanto previsto dai commi 12 e 13 dell’art. 86 del CAPO III “Istruttoria in Commissione” del Regolamento dell’Assemblea legislativa, “La Commissione competente deve completare l’esame delle proposte assegnate e trasmetterne il testo ai sensi del comma 7 entro il termine indicato nel calendario dei lavori dell’Assemblea e comunque non oltre centoventi giorni dall’assegnazione” (comm.12). Per questo motivo si chiede di conoscere le ragioni per cui, ad oggi, non ci sia stato alcuno riscontro alle istanze presentate, ultima la richiesta del 5 dicembre u.s. con la lettura da parte del Comitato di un documento, nell’ambito della seduta del Consiglio Regionale dedicato alla violenza di genere, in cui si chiedeva la calendarizzazione di questa proposta di Legge in prima Commissione. Il documento, presentato dal comitato, è stato sottoscritto da centinaia di rappresentanti della politica e della società civile. Fanno parte del comitato Assessore alle pari opportunità dei più importanti Comuni della Regione Marche, senza distinzione di colore politico, Consigliere Comunali, presidenti di Associazioni al femminile, dei Consigli delle Donne, sindacaliste. Anche la Consigliera Regionale di Parità Paola Petrucci aderisce a questo comitato.

“L’approvazione di questa Legge è innanzitutto una battaglia di civiltà –così dichiara la Portavoce del Comitato Doppia Preferenza Regione Marche Michela Gambelli Presidente del Consiglio delle Donne di Senigallia- un importante traguardo che permetterà alle donne di poter essere presenti in modo paritario nell’Assemblea legislativa della nostra Regione così come prevede la norma approvata dal nostro Parlamento. (Legge 20/2016) Inoltre permetterà anche alla Regione Marche di essere una Regione moderna, più democratica realmente attenta alla condizione femminile”. Per questi motivi oggi il Comitato chiede al Presidente dell’Assemblea Legislativa di farsi garante dell’avvio e della programmazione dei lavori di discussione in commissione e del coinvolgimento del Comitato.

“E’ in programma, per il prossimo 16 marzo, la Conferenza Nazionale delle Presidenti delle Commissioni Pari Opportunità proprio nella nostra Regione per discutere questo importante argomento– così dichiara Meri Marziali, Presidente CPO Marche”. Hanno dato la loro adesione e il loro sostegno a questo percorso anche Alessia Polita campionessa di motociclismo e Valentina Vezzali campionessa di scherma entrambe della nostra Regione.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-01-2018 alle 15:13 sul giornale del 27 gennaio 2018 - 1042 letture

In questo articolo si parla di regione marche, politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQ5p