Energie per Senigallia, Lega Nord e FdI: un incontro su sicurezza e giustizia

21/01/2018 - Una serata dedicata al diritto alla sicurezza urbana e nazionale, all'immigrazione e giustizia , ma soprattutto a testimonianze, a storie incredibili davvero accadute, di cui ne hanno parlato le cronache nazionali.

Persone che hanno visto cambiare le loro vite; persone che hanno perduto una figlia, un padre, l’intimità domestica. Persone, tra le tante, che hanno perduto il diritto alla sicurezza, alla vita. Persone, che lo Stato ha trasformato da vittime in carnefici, da vittime in accusati, da vittime di un crimine in cittadini dimenticati. Per lo Stato le vittime di un reato non hanno diritti, a loro questi diritti sono stati negati. Lo Stato è inadempiente perché ha abbandonato i suoi figli. Francesco Sicignano, Andrea Masini e Fabiola Bacci. Tre storie di italiani, la cui vita è cambiata. Non è più quella di prima. Da ‘cittadini attivi’ sono diventati ‘cittadini fantasma’. Francesco Sicignano, vittima di eccesso di legittima difesa solo perché ha protetto la sua vita, la sua casa e i suoi familiari; Andra Masini, figlio di Ermanno Masini, assassinato da Kabobo, l’immigrato clandestino che con un piccone a Milano lo ha ammazzato e rapinato senza alcuna pietà; Fabiola Bacci, mamma della giovanissima Jennifer Sterlecchini, una delle tante vittime di Femminicidio.

Se ne parlato venerdì sera, nell'aula del consiglio comunale di Senigallia, alla presenza dei protagonisti di quelle tragiche vicende in un convegno organizzato dall'Associazione culturale e politica "Energie per Senigallia", da Lega Nord e Fratelli d'Italia. Una serata, che ha visto la presenza anche dell'Osservatorio nazionale sostegno alle vittime e del SAP, il Sindacato nazionale di Polizia con il suo Segretario nazionale Gianni Tonelli, e della senatrice Erika Stefani della Commissione Giustizia del Senato. Una serata davvero partecipata, una platea attenta ed interessata alle relazioni e agli interventi, che hanno occupato i lavori della conferenza, tra i quali anche quelli dell'on. Carlo Ciccioli, medico psichiatra e portavoce regionale di Fratelli d'Italia; dell'avv. Elisabetta Aldrovandi e di Angelo Bertoglio, rispettivamente Presidente e Coordinatore dell'Osservatorio nazionale a sostegno delle vittime; di Massimo Bello, Presidente di Energie per Senigallia.

Non sono mancati i saluti di Marcello Liverani, coordinatore comunale di Fratelli d'Italia e di Davide Da Ros, consigliere comunale e coordinatore di Lega Nord a Senigallia. Un convegno che ha dato la possibilità di guardare dentro la notizia, che ha approfondito temi di forte e straordinaria attualità, che è riuscito, seppur in poche ore, a delineare il quadro di una situazione reale. L'Italia vive oramai da tempo il dilemma dell'incertezza della pena e di una frattura nel rapporto di fiducia tra Stato e cittadini. Cittadini, che pagano le conseguenze di uno Stato assente e spesso inadempiente. Ecco perché è il momento di intraprendere una vera e propria 'battaglia di libertà e di civiltà', come tutti i relatori del convegno hanno evidenziato.


da Energie per Senigallia
Associazione culturale e politica






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-01-2018 alle 09:52 sul giornale del 22 gennaio 2018 - 786 letture

In questo articolo si parla di politica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQS9