Iniziato il trasferimento della nuova risonanza: pazienti dirottati all'ultimo minuto a Jesi

18/01/2018 - Disagi che vanno, disagi che vengono. Mercoledì mattina è tornata in funzione la tac, rottasi la scorsa settimana, ma ad andare fuori uso è stata la risonanza magnetica.

E' iniziata infatti l'installazione della nuova (e tanto attesa) risonanza magnetica. Fin qui tutto bene se non fosse che per far posto al nuovo macchinario, la vecchia tac è stata smantellata. Un'operazione necessaria dal momento che la nuova risonanza magnetica utilizza la stessa stanza, anche se ampliata, di quella “vecchia”. In questo “passaggio” di consegne però a rimetterci sono ancora una volta gli utenti. Ieri mattina gli utenti che avevano già da mesi prenotato la risonanza magnetica sono stati avvertiti dall'Asur che il servizio non era disponibile e che sarebbero stati dirottati a Jesi, per alcuni tipologie di esami.

Subito è montata la protesta. I pazienti infatti si chiedono perchè l'Asur non li abbia avvertiti per tempo e perchè si siano accorti di questi disguidi solo all'ultimo minuto. Ancora un difetto di comunicazione fra i vari settori e a rimetterci sono stati ancora una volta gli utenti del servizio. Dall'Asur assicurano che il periodo di transizione fra la vecchia e la nuova risonanza magnetica durerà solo qualche giorno ma intanto i pazienti che avevano esami programmati in questi giorni dovranno pazientare. Disagi che dovrebbero però concludersi con l'inaugurazione della nuova risonanza magnetica, il cui iter è stata una vera peregrinazione. L'Asur anni fa ordinò una nuova risonanza magnetica che però non andava bene per la stanza per cui era stata pensata. E' cosi dovuto intervenire il Comune con una apposita variante urbanistica per consentire l'ampliamento e la messa a norma della stanza.

Quando la scorsa estate tutto sembrava filare liscio, il nuovo intoppo. I lavori si sono nuovamente interrotti e stavolta a causa di un contenzioso tra la ditta appaltatrice e l'Asur. Ora i lavori ora sono ripartiti e sono, a questo punti in dirittura d'arrivo. Ieri mattina intanto è tornata in funzione la tac, dopo alcuni giorni di stallo. A rompersi infatti è stato un tubo radiogeno che per altro era stato sostituito nel 2016. L'Asur ha subito chiesto l'intervento della ditta competente per la sostituzione ed ora la manutenzione è stata completata.





Questo è un articolo pubblicato il 18-01-2018 alle 06:34 sul giornale del 19 gennaio 2018 - 3758 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aQMK





logoEV