La chirurgia e i medici senigalliesi: la Brignone, "Eccellenze da tutelare ad ogni costo"

Beatrice Brignone 14/12/2017 - E' stata reduce da una esperienza familiare nel reparto di chirurgia dell'ospedale senigalliese e Beatrice Brignone, deputata di Possibile, ringrazia gli operatori e i medici del presidio ospedaliero senigalliese.

"48 ore all’inferno e ritorno. L’ospedale di Senigallia va difeso, in ogni senso. Denunciando cosa non va e valorizzando le sue qualità. Ho passato le ultime 48 ore nel reparto di chirurgia, dove l’assistenza, la professionalità, l’umanità è elevatissima, in un reparto molto complesso, con pazienti non sempre pazienti. Il mio infinito ringraziamento va al primario che guida magistralmente questo reparto Dott. Angelo Cavicchi, al dott. Rodolfo Piazzai, professionista di altissimo valore che ha operato Massimo e lei cui mani dovrebbero essere dichiarate bene dell’umanità, a tutti i medici del reparto, alle infermiere, infermieri e OSS che fanno un lavoro pazzesco e sono presenti in ogni momento della giornata senza mai far sentire i pazienti e le loro famiglie soli e alleggerendo giornate lunghissime. E grazie alla mia famiglia e a miei amici più cari che da ogni parte di Italia mi sono stati più che vicini, ma soprattutto a quello che oltre a un caro amico è un eccezionale medico, che se non fosse stato per le sue intuizioni e la tempestività di intervento, la storia sarebbe stata molto diversa, Fabrizio Volpini".





Questo è un articolo pubblicato il 14-12-2017 alle 21:35 sul giornale del 15 dicembre 2017 - 1706 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, beatrice brignone, articolo e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPUi