Renzo Tortelli e Catia Ulissi in mostra

11/12/2017 - Nuovo appuntamento allo SpazioArte della Fondazione A.R.C.A., il 1 dicembre dalle 18,00 alle 20,00, con le opere di Renzo Tortelli e Catia Uliasse.La mostra dal titolo “Sguardi sulle Marche”, a cura di Francesca Pongetti, Presidente della Fondazione A.R.C.A.e di Andrea Carnevali, critico,si svolgerà al CaféZepplin a Senigallia (via Felice Cavallotti, 18).

Le ragioni di questa mostra sono da ricercarsi nell’accostamento di due linguaggi per rappresentare la natura e il paesaggio marchigiano. La campagna, dove è cresciuto il fotografo di Potenza Picena, è il soggetto principale della sua fotografiae la riproduce nei suoi scatti. La bellezza della natura viene evocata nell’intensità delle immagini e nella fissità della “vedute” del paesaggio che,a volte,ha una intensità impressionista. La pittura di Catia Uliassiè influenzata, invece, dall’impressionismo astratto, che ritroviamo in molti quadri della sua prima produzione artistica, quando cerca di raccontare l’entroterra marchigiano oppure la sua città natale.

La piccola esposizione “Sguardi sulle Marche”, alCaféZepplin, intende valorizzare l’interiorità dell’artista che si rispecchia in altre donne della sua terra d’origine, le Marche. La pittrice è, inoltre, una esponente della Eat art: ella cerca di fare una riflessioni sui principi generali dell’alimentazione che sono trasposti in pittura mediante diverse tecniche in cui il cibo è il protagonista. L’artista ha risentito delle influenze dell’opera di Daniele Spoerri , esponete delle avanguardie della natura morte, variante della Pop art. Info tel.: 328.6214037 - www.fondazionearca.org.

Renzo Tortelliè nato a Potenza Picena (Mc) nel 1926. La nascita della prima figlia Annalisa lo spingerà a concentrarsi sul tema dell’imitazione della natura, cioè dell’estetica del bello che circonda l’artista. L’incontro con Mario Giacomelli sarà molto importante, perché influenzerà il suo stile. Nell’ambiente marchigiano, invece, è fondamentale l’amicizia con Cantatore, Ciarrocchi, Cegna, Tinteri, Craia, Tulli, Di Carlo e Monachesi. Nel 1965, alla “Triennale dell’Adriatico”, Tortelli fotografa le sculture agravitazionali in evelpiuma di Sante Monachesi. Dopo le prime esperienze espositive locali, nel 1961 incomincia una nuova stagione creativa accompagnata da una serie di mostre in diversi centri italiani e di altre nazioni (Stati Uniti, Spagna, Francia, Messico, Germania, Inghilterra ecc…).

Catia Uliassiè nata a Senigallia (An) dove vive e lavora. L’artista è un’autodidatta e ha sperimentato diverse tecniche espressive; ha aderito, anche, all’avanguardia dell’Eat art. Negli ultimi anni, il suo linguaggio si è rivolto allo studio di materiali riducendo la tavolozza cromatica al bianco, nero, oro e, a volte, al rosso per dare più enfasi alle immagini. Le opere della Uliassisono state esposte sia in Italia, sia all’estero.L’artista ha esposto a Hong Kong opere che coniugano la pittura con la cucina. Si segnala, invece, la mostra alla Nock Art Foundation Gallery nel 2015. La stessa filosofia dell’arte a tavola è stata presentata a NewYork nel 2016, presso il locale “Le Cirque”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-12-2017 alle 16:41 sul giornale del 12 dicembre 2017 - 588 letture

In questo articolo si parla di cronaca

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPLM