Ancona: 42 ovuli di Hashish nel suv. In manette coppia di marocchini

10/12/2017 - Sono stati gli uomini del Radiomobile dei Carabinieri di Ancona a far finire in manette una coppia di marocchini. Nel suv droga a volontà.

Sono stati pizzicati sabato dai Carabinieri del Radiomobile Dorico e nel corso di un servizio di controllo straordinario del territorio nei pressi delle uscite dei caselli autostradali in virtù del maggior numero di autoveicoli che sono giunti nel capoluogo marchigiano, in considerazione anche degli eventi organizzati quest’anno nella città. Nel corso di un posto di controllo serale, tra le autovetture fermate e controllate, una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile di Ancona intimava l’alt, nei pressi dell’uscita del casello autostradale di Ancona Sud, ad un’autovettura Jeep Grand Cherokee con a bordo due cittadini di nazionalità marocchina, un uomo ed una donna. All’atto del controllo la coppia si mostrava alquanto preoccupata. I loro sguardi impauriti, quasi a sperare di esser lasciati andare via quanto prima confidando magari in un semplice controllo di routine, non passavano inosservati ai militari. I due avevano ormai intuito che di li a poco si sarebbe passati anche ad un controllo del veicolo, e nell’attimo prima di scendere dall’autovettura, con la speranza di non esser visti, approfittando anche della zona buia e dell’orario, i due gettavano alcuni involucri dal finestrino, precisamente dal lato del guardrail che costeggia la strada in uscita dal casello. Il repentino lancio veniva però notato in diretta dai militari che ormai avevano visto nella coppia qualcosa di strano. Quanto gettato veniva prontamente recuperato dai militari, che potevano così appurare che si trattava di 42 ovuli di hashish da 10 grammi l’uno ed un panetto da 100 grammi della medesima sostanza stupefacente. La successiva perquisizione domiciliare permetteva di recuperare una somma contanti di euro 15.00,00 sottoposta a sequestro in quanto ritenuta provento dell’attività illecita. Per l’uomo di anni 37 si sono così aperte le porte del carcere di Montacuto, mentre la donna, coetanea, veniva tradotta presso il carcere di Villa Fastiggi di Pesaro.





Questo è un articolo pubblicato il 10-12-2017 alle 11:51 sul giornale del 11 dicembre 2017 - 719 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, ancona, vivere ancona, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPJN





logoEV