Comitato: "Laboratorio analisi: la soluzione c'è"

2' di lettura Senigallia 03/12/2017 - Ancora prosegue lo stato confusionale del Servizio di Analisi di Senigallia, mitigato in parte solo dalla buona volontà degli operatori.

Lo stallo tra dirigenti sanitari e amministrativi è un fatto assodato e una soluzione è di la a venire e in questa confusione i cittadini hanno difficoltà nel fare i prelievi e molte volte dirottano la loro necessità nei laboratori privati.

Non si riesce a venire a capo di questa diatriba culminata con mail e contro-mail di risposta tra dirigenti, con cartelli indicanti da una parte l’accettazione amministrativa e dall’altra chi è il Responsabile del Servizio Sanitario, come quasi fossero cose opposte, che hanno portato i pazienti, disorientati da tanta confusione, a protestare compilando i moduli preposti per i reclami o andarsene indignati!

Perché gli sportelli per l’accettazione-pazienti che erano fino a poco tempo fa quatro ora sono stati portate a due? E come si può chiedere a due operatori di svolgere lo stesso lavoro che fino a poco tempo fa veniva fatto in quattro?

Anche perché vi è una normativa ufficiale, dice il Resp.le sanitario del Laboratorio ad una cittadina che ha sporto reclamo ufficiale, che indica in n.3(tre) il minimo di sportelli front-office di Laboratorio che devono provvedere ad accettare i pazienti che necessitino di prelievi ematici.

Senza considerare la messa a norma di queste postazioni che sembrerebbe, dopo tanto tempo, essere stata fatta: i sindacati hanno verificato il DVR (documento di valutazione rischi) aziendale?

Perché mettiamo tutte queste considerazioni sul piatto: perché vogliamo che il nostro Laboratorio ritorni ad essere un punto di eccellenza come lo era fino al 2011 e non che diventi una succursale di Jesi.

Invece l’invio giornaliero a Jesi di esami virologici e immunologici, che fino a poco tempo fa venivano eseguiti nel nostro Laboratorio, sta declassando gradatamente il servizio a semplice punto prelievo con la politica del carciofo: si toglie una foglia alla volta e alla fine rimane solo il gambo.

Noi che siamo un comitato cittadini di varie estrazioni e quindi con conoscenze specifiche anche nella sanità ci permettiamo di prospettare una SOLUZIONE:
-3 operatori in postazioni di accettazione al mattino(come da normativa), 1 operatore al back-office, 1 operatore al pomeriggio con compiti di consegna esami e prenotazione esami( iniziativa che ha ottenuto, questa si, un apprezzamento da parte dei cittadini).

Quello che proponiamo è una cosa concreta che ricalca l’organizzazione presente in Laboratorio fino al 2011, gradita agli operatori e soprattutto agli utenti.

Pertanto con questo nostro comunicato chiediamo ancora una volta al Sindaco Mangialardi e l’Assessore ai Servizi sociali Girolimetti di intervenire sulle problematiche del Laboratorio Analisi chiedendo pubblicamente al Direttore AV2 Dr. Bevilacqua di risolvere il problema e tranquillizzare i cittadini senigalliesi, prospettandogli una soluzione magari simile alla nostra.

I cittadini ringrazierebbero






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-12-2017 alle 15:08 sul giornale del 04 dicembre 2017 - 1428 letture

In questo articolo si parla di sanità, attualità, ospedale, senigallia, Comitato Cittadino per la difesa Ospedale Senigallia e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPxG





logoEV
logoEV