Ancora una settimana all’insegna di pellicole d’autore e d’arte al Cinema Gabbiano

03/11/2017 - Per il ciclo dei “Lunedì d’autore” il 6 novembre arriverà anche a Senigallia il geniale The Teacher, un perfetto esempio di una cinematografia periferica in grado di esprimere un cinema d’intrattenimento di altissimo livello.

Diretto dal pluripremiato Hrebejk, èispirato a una storia vera avvenuta nella Bratislava del 1983, quando il Partito Socialista controllava ancora diffusamente l’intera società ma l’influenza sovietica inizia lentamente a cedere terreno al fascino capitalista dell’Occidente. Una professoressa di liceo, nonché funzionaria del Partito, si presenta in classe in maniera affabile e carismatica, tradendo però fin da subito una assoluta mancanza di discrezione rispetto alle famiglie dei suoi studenti. Il direttore della scuola dovrà così organizzare un incontro con i genitori per risolvere situazioni incresciose… The Teacher segue da vicino i percorsi dei corti e rumorosi tacchi dell'insegnante, apparentemente solare e un po' eccentrica, ma in realtà magnetica e manipolatrice, sviluppando un’analisi sociologica profonda e universale. Hrebejk riesce a realizzare tutto questo, mantenendosi al tempo stesso capace di parlare al grande pubblico attraverso una pellicola assolutamente brillante. Appuntamento alle ore 21.15 con biglietto di ingresso a 6 euro.

Non si è ancora placata l’eco di Loving Vincent, rimasto in cartellone al Gabbiano per quasi un mese, che sta per arrivare nella sala senigalliese un nuovo appuntamento con la grande arte al cinema. Martedì 7 (ore 21.15) e mercoledì 8 (ore 18.30), sempre con biglietto di ingresso a 8 euro, sarà infatti proiettato Bosch – Il giardino dei sogni, documentario su uno dei pittori più visionari della storia dell’arte e sulla sua opera più celebre. Hieronymus Bosch morì nell’agosto del 1516 ed è questo l’unico evento databile con precisione riguardo all’autore del “Giardino delle Delizie Terrene”. Nato in Olanda da una famiglia originaria di Aquisgrana, Bosch riuscì più di ogni altro a fondere la cultura figurativa fantastica ed esotica del Medioevo con le nuove istanze del rinascimento fiammingo.

Il racconto di questa sua doppia anima è oggi al centro del film evento diretto da José Luís López Linares, distribuito nelle migliori sale italiane solo il 7 e 8 novembre nell’ambito del progetto della Grande Arte al Cinema. Attraverso numerosi interventi esclusivi (di scrittori come Salman Rushdie, Orhan Pamuk, Cees Nooteboom; artisti come Miquel Barceló; musicisti come Ludovico Einaudi; e ancora drammaturghi, illustratori, neuroscienziati e ovviamente storici dell’arte come Pilar Silva e Xavier Salomon) gli spettatori potranno andare alla scoperta delle molteplici interpretazioni attribuite ai quadri del pittore, considerato di volta in volta membro di una setta esoterica, alchimista oppure artista talmente raffinato da includere nelle sue opere messaggi complessi e giochi di parole visivi basati sui testi biblici e della tradizione. In particolare “Il Giardino delle Delizie Terrene” è un quadro che con sapiente eleganza si rivolge a tutti, per mezzo dei colori brillanti, della complessità dell’azione, della fusione tra commedia e tragedia, in un mix di intrigo e suspense, peccato, vita e morte, fino alla redenzione.

Per quanto appaia impossibile giungere a comprenderlo completamente, il documentario tenta di analizzare i misteri di un dipinto che tocca chiunque nel profondo, scavando nelle coscienze e miscelando con maestria acrobatica il macabro e il mostruoso, il fantastico e il demoniaco. Ricordiamo che per tutti gli spettacoli i biglietti sono sempre acquistabili in qualsiasi momento anche online sul sito www.cinemagabbiano.it.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-11-2017 alle 20:03 sul giornale del 04 novembre 2017 - 473 letture

In questo articolo si parla di cinema, cinema gabbiano, senigallia, spettacoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aOBB