Il 16 novembre 1917 la tragedia del "Cappellini": due eventi per ricordare

01/11/2017 - Due appuntamenti per ricordare il naufragio del Cappellini, il pontone della Marina Militare affondato a largo delle coste tra Marzocca e Marina di Montemarciano il 16 novembre 1917.

Sabato alle ore 11 nel piazzale del Cimitero Maggiore delle Grazie, dove sono sepolti i 68 marinai e il capitano Pesce morti nel naufragio, si terrà una cerimonia di commemorazione delle vittime mentre domenica alle 17 nella Biblioteca “Orciari” di Marzocca si terrà un incontro aperto al pubblico dal titolo “Cappellini, 100 anni dopo: musiche e parole”. Una tragedia, quella del Cappellini, passata tristemente alla storia.

Durante la prima guerra Mondiale, la Marina Regia decise di trasformare i monitori Alfredo Cappellini e Faa’ di Bruno in pontoni dotati di cannoni. Dopo la disfatta di Caporetto del 24 ottobre 1917 i due pontoni furono inviati a difesa dell'Adriatico Centrale. Il 15 novembre del 1917 infatti i due monitori partirono da Venezia, trainati da altrettanti rimorchiatori, alla volta di Ancona ma durante il viaggio, a causa del maltempo, il Cappellini iniziò ad imbarcare acqua. Mentre il rimorchiatore cercava invano di spingere il Cappellini verso la costa, distante meno di due miglia, i cavi di trazione si spezzarono, il pontone perse l'assetto e a causa anche del peso dei cannoni si capovolse inabissandosi rapidamente.

Purtroppo anche le scialuppe di salvataggio si ribaltarono e quasi tutto l'equipaggio, compreso il comandante Pesce, morirono. In tutto 69 vittime. Il mare nei giorni successivi restituì 45 cadaveri sulla spiaggia di Marzocca ed altri lungo la costa anconetana. Solo quattro furono i superstiti. Nel corso di questi cento anni diversi furono i tentativi di riportare a galla il Cappellini, che fu individuato sul fondo del mare solo nel 1980, ma nessuna ditta incaricata a vario titolo delle operazioni ci è riuscita.





Questo è un articolo pubblicato il 01-11-2017 alle 08:25 sul giornale del 02 novembre 2017 - 2717 letture

In questo articolo si parla di cultura, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aOwR





logoEV