Continua l’abbattimento di alberi a Senigallia

22/10/2017 - Dopo i circa 60 alberi abbattuti sul lungomare di Cesano e quelli della pinetina della stazione la scure del comune si abbatte sui pini di via Buozzi.

Oggi sono stato contattato da alcuni conoscenti che mi riferivano che nel giro di due giorni tutti gli alberi di via Buozzi sono stati abbattuti.

Mi sono quindi recato sul posto per verificare di persona se questo corrispondeva a verità.

Purtroppo anche in questo caso nessun albero si è salvato.

La motivazione addotta è il rifacimento del marciapiede, ma io mi domando come mai l’anno scorso in via Tintoretto a Cesanella dove risiedo, per rifare i marciapiedi non è stato abbattuto alcun leccio.

Qualcuno più esperto di me in botanica potrà obbiettare che i pini hanno radici superficiali che con il tempo danneggiano sede stradale e marciapiedi; questo allora però non giustifica l’abbattimento dei tamerici a Cesano avvenuto anche qui per il rifacimento del marciapiede.

Altri potrebbero insinuare che questi alberi erano malati e pericolanti come quelli della pinetina della stazione. Mi domando allora come è possibile che i pini (della stessa pineta!) sul terreno delle FF.S. siano sani mentre quelli sul terreno comunale non lo erano.

Fare gli amministratori è indiscutibilmente difficile; non è facile infatti, anzi impossibile, prendere decisioni che accontentino tutti. Non comprendo però il perché di tanta solerzia nell’abbattimento del verde pubblico soprattutto da parte di una certa fazione politica che ha fatto dell’ambientalismo e del rispetto delle opinioni dei cittadini la propria bandiera.







Questo è un articolo pubblicato il 22-10-2017 alle 09:19 sul giornale del 23 ottobre 2017 - 4026 letture

In questo articolo si parla di attualità, ettore coen, alberi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aOc9

Leggi gli altri articoli della rubrica L'altra Senigallia





logoEV