Corinaldo: dopo il Santuario tocca al Convento, frati mettono in fuga i ladri sacrileghi

19/10/2017 - I ladri sacrileghi ci riprovano e ancora una volta gli va male. Contro i "religiosi" non c'è storia. Dopo il colpo bucato ai danni del Santuario di Santa Maria Goretti, i ladri c'hanno riprovato stavolta al Convento dei Frati Cappuccini.

Anche stavolta i malviventi sono dovuti scappare a mani vuote e stavolta sono pure stati colti in flagranti. L'episodio è successo mercoledì sera all'ora di cena. Mentre i frati erano riuniti per il pasto serale, ad attirare la loro attenzione sono stati alcuni rumori provenienti dal piano superiore, dove si trovano gli alloggi dei frati. Padre Stelvio si è subito diretto al primo piano del convento e quello che ha visto non gli è piaciuto affatto.

Anzi, per il frate si è trattato di un bello spavento. Davanti a lui si è trovato quattro uomini, tutti “energumeni”, che stavano rovistando nelle camere da letto dei confratelli. Subito il priore si è messo ad urlare e in pochi istanti i quattro se la sono data a gambe passando dalla stessa finestra che avevano forzato per entrare. Si tratta di un fisso per altro posto al primo piano che ha richiesto una particolare agilità ai ladri. Malviventi che hanno agito a volto scoperto, parlavano italiano, tre avevano la carnagione chiara e mentre uno olivastra. Alle grida subito sono accorsi anche gli altri frati. I malviventi sono scappati senza rubare nulla anche se per padre Stelvio si è trattato di un bello spavento.

Ancora una volta i malviventi hanno preso di mira i luoghi di culto della cittadina gorettiana e ancora una volta i religiosi sono stati bravi ed hanno avuto la meglio.





Questo è un articolo pubblicato il 19-10-2017 alle 23:45 sul giornale del 20 ottobre 2017 - 2621 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, corinaldo, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aN0d





logoEV