Incendio al porto: distrutta la sede del Tuna Club, disperati i ragazzi del Giardino dei Bucaneve

16/10/2017 - L'incendio divampato domenica notte al porto turistico non ha solo distrutto magazzini aidibiti a rimassaggio, ha anche tolto una seconda casa ai soci del Tuna Club e ai ragazzi disabili del “Giardino del Bucaneve”, spesso ospiti del club.

“I ragazzi sono rimasti scioccati dalla notizia -racconta Sonia Sdogati, della Onlus- per noi si tratta di una grave perdita. Ogni estate i ragazzi, grazie al Tuna Club, partecipavano ad attività altrimenti impossibili come momenti conviviali e anche uscite in barca. Proprio questa estate abbiamo organizzato li anche una festa a sorpresa per i 30 anni di un nostro ragazzo. Per noi quel posto era un riferimento che ha permesso alla nostra associazione di fare un salto di qualità notevole e sarà difficile per i ragazzi ritrovare uno spazio così”.

“Abbiamo fatto tanto per avere una nostra sede e ora l'abbiamo vista letteralmente andare in fumo -commenta l'ex presidente del Tuna Club Fabio Orci- siamo davvero senza parole. Quel magazzino non era solo un rimessaggio ma rappresentava per tutti noi un punto di ritrovo, un'occasione anche di convivialità per magiare insieme una pizza. Mi dispiace molto anche per i ragazzi del Giardino del Bucaneve con cui abbiamo condiviso tanti bei momenti e trascorso estati spensierate. Speriamo di poter trovare una soluzione anche se sappiamo che i tempi potrebbero non essere brevi”. Per il Tuna Club si tratta di un danno anche economico dal momento che tutte le attrezzature da pesca sono andate distrutte.







Questo è un articolo pubblicato il 16-10-2017 alle 23:13 sul giornale del 17 ottobre 2017 - 3778 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aN2o





logoEV