Girolametti al papà della ragazza disabile: ''Senigallia era e resta una città solidale''

carlo girolametti 15/10/2017 - Apprendo dalla stampa della preoccupazione di un padre di una ragazza disabile per una eventuale minore attenzione della Amministrazione Comunale verso i disabili.

Credo di poter affermare che Senigallia era e resta una città che si caratterizza per la solidarietà verso i più deboli e in particolare per le persone disabili, tanto che alcuni nuclei familiari hanno preso qui la propria residenza per questa ragione.

Non entro nel merito se i disabili possano o meno parcheggiare nella piazzetta davanti Palazzo Mastai, non è di mia competenza ma sono certo che la questione verrà presa in considerazione non solo nell'interesse del singolo. Per quanto riguarda le ore di assistenza educativa scolastica erogate dal Comune ai ragazzi disabili, è necessario fare alcune considerazioni.

Senigallia è ancora oggi la città della provincia e forse anche delle Marche che, in proporzione, offre più ore di assistenza educativa scolastica. Vale la pena di ribadire che questo non è un servizio a domanda individuale ma svolge una funzione di supporto alla Scuola a cui spetta il compito di individuare una adeguata attività di sostegno alla disabilità. Da una ricognizione fatta dalla struttura dell'assessorato al Welfare è emerso che non solo Senigallia vanta il primato delle ore assegnate, ma in alcuni casi il nostro supporto era superiore alle ore del sostegno scolastico, condizione non prevista dalla normativa.

A fine agosto abbiamo provveduto ad una riduzione limitata di ore che ha consentito di fatto all'Ufficio Scolastico di attivarsi per l'incremento del sostegno, visto che la richiesta è consentita entro novembre. Fatte salve alcune situazioni particolari di erronee ed eccessive riduzioni, in cui siamo intervenuti con un pronto adeguamento di orario, ci risulta che la situazione sia sotto controllo e le scuole stesse si dichiarino soddisfatte per l'adeguatezza del nostro intervento, tanto che ci sono state restituite alcune ore delle circa 1100 messe a disposizione per 114 ragazzi.

Credo che questa scelta dell'Assessorato possa rientrare nella normale attività di ricognizione delle risorse disponibili e quelle impiegate, con l'obiettivo di mantenere l'adeguatezza dei servizi e ottimale utilizzo delle risorse. Inoltre entro la fine dell'anno è intenzione di questo Assessorato attivare un "Osservatorio sulla disabilità" che favorisca il monitoraggio, stimoli riflessioni e proposte e dove gli utenti e le loro famiglie (possibilmente in forma associata) avranno sicuramente un ruolo di rilievo


da Carlo Girolametti
assessore welfare e sanità Comune di Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-10-2017 alle 18:00 sul giornale del 16 ottobre 2017 - 2197 letture

In questo articolo si parla di politica, disabilità, Carlo Girolametti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNZ4