Inaugura la nuova sede di Scientology a Cesanella, è polemica

26/09/2017 - Non ha mancato di suscitare polemiche l’inaugurazione della nuova sede di Scientology a Cesanella, lungo la Statale Adriatica, nella sede che era stata della Olivetti.

La nuova sede, ben più in vista della precedente che da diversi anni era già presente a Cesanella, ha sollevato perplessità da parte di numerosi senigalliesi che hanno dibattuto animatamente della questione sui social.
Qualche dubbio in particolare sull'opportunità della partecipazione del vicesindaco Maurizio Memè all’inaugurazione. “E’ con grande piacere che porto il saluto del sindaco e dell’intera città a questo nuovo luogo che mettete a disposizione per stare vicino alle persone, questo è uno dei valori che rappresentano lo spirito della nostra città”, queste le parole del vicesindaco secondo quanto riportato in un post su Facebook della ‘Chiesa Nazionale di Scientology d'Italia’.

A commentare la notizia anche la parlamentare senigalliese Beatrice Brignone, che ha detto, “Non ci facciamo mancare nulla”.
Non ha gradito la presenza del vicesindaco anche Simone Tranquilli, presidente dell'Associazione Gent'd'S'nigaja: “Una setta, parliamoci chiaro. Con tutti i pro (nessuno credo) e i contro di una setta. E noi a Senigallia li accogliamo con tutti gli onori. Nessuno può impedire a nessuno di aprire una nuova sede regionale. È il riconoscimento istituzionale che proprio non riesco a digerire.”





Questo è un articolo pubblicato il 26-09-2017 alle 10:18 sul giornale del 27 settembre 2017 - 6652 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNmP