Basket: Un mare nel Canestro, Senigallia batte il Teramo 85-66 nella seconda semifinale

17/09/2017 - Soffre le iniziative di Salamina e Cicognani la Goldengas che per rispondere a Teramo si affida velocemente al quintetto “leggero” e alla zona nella metà campo difensiva.

Le polveri bagnate dalla lunga distanza tolgono nel primo quarto una delle principali armi a disposizione dei padroni di casa che rimangono a contatto grazie al gioco nel pitturato di Bertoni e a Tortù dalla lunetta. La zona paga dividendi mentre in attacco è Giampieri a ritrovare per Senigallia la via del canestro pesante con la tripla dall'angolo che vale il 17-20 di fine primo quarto. Tortù apre il secondo periodo con un gioco da tre punti che vale la parità a quota 20 e poco dopo dà il primo vantaggio, dalla lunetta, alla Goldengas (22-20). Teramo reagisce trovando il canestro pesante con Staffieri e Musso mentre sul fronte senigalliese è sempre Tortù il grande protagonista con un altro gioco da tre punti, assist e stoppate che caricano la truppa di Foglietti.

Giampieri sostituisce Bertoni (costretto a uscire dopo esser stato “atterrato”) e dalla lunetta prova ad allungare sul 32-28. Sale in cattedra anche Ricci, è lui che propizia il 39-33 del 17' prima con un canestro e poi aprendo il contropiede finalizzato da Pierantoni che manda su tutte le furie la panchina teramana costretta al time out. Senigallia è in fiducia e al rientro dalla sospensione trova un'ulteriore boccata d'ossigeno con la tripla di Paparella. Salamina accorcia le distanze e manda le squadre negli spogliatoi sul 44-39 con Senigallia che avrebbe qualcosa da recriminare per un paio di possessi non gestiti benissimo sul finire di quarto. Senigallia rientra dagli spogliatoi prima di Teramo con la Goldengas che approfitta della morbidezza difensiva dei teramani appoggiando il suo gioco sotto canestro dove Pierantoni fa la voce grossa e spinge i suoi sul 48-41.

La panchina ospite non ci sta, chiama subito un time out e “suona la sveglia”. Messaggio recepito dal quintetto abruzzese che rientra trasformato e confeziona un parziale di 13-2 che ribalta il punteggio, con Salamina e Cicognani sugli scudi. 54-50 ospite al 24'. Ricci, con un canestro “alla Printezis”, interrompe l'astinenza da canestri per Senigallia, la difesa a zona fa il resto. Grandissime difficoltà per l'attacco teramano, mentre Senigallia vola in contropiede dopo ogni recuperata o rimbalzo con Paparella e Tortù per il 61-54 del 28', e con Ricci per il 63-54. Paparella chiude il periodo con la tripla sulla sirena che per la Goldengas vuol dire 68-54 risultato di un incredibile break di 18-0 nella seconda metà di quarto. Cinque minuti,tanto dura il digiuno per la Goldengas che trova i primi punti dalla lunetta con Paparella e Giampieri. Senigallia ha comunque il merito di non crollare in difesa nonostante le difficoltà nel trovare il canestro con Teramo che si riavvicina fino al -7. La tripla di Giampieri e il tap in di Bertoni sanno di liberazione per capitan Pierantoni e soci che toccano il +15 a poco meno di tre minuti dal termine, massimo vantaggio che viene ritoccato da Bertoni (79-63 a 1'50”). Giampieri mette la tripla della staffa che consegna a Senigallia la finalissima contro Pescara in programma domani alle 19.45. La finalina tra Teramo e Rimini sarà invece alle 17.30

SENIGALLIA-TERAMO 85-66
(17-20, 27-19, 24-15, 17-12)

SENIGALLIA: Giacomini, Paparella 18, Tortù 24, Giampieri 13, Pierantoni 13, Bertoni 7, Ricci 10, Benedetti, Maiolatesi, Figueras, Angeletti. All. Foglietti
TERAMO: Di Eusanio, Nolli, Salamina 17, Lagioia 3, Milojevic 2, Errera, Musso 15, Staffieri 8, Piccinini 3, Cicognani 18. All. Bianchi
PROGR: 17-20, 44-39, 68-54, 85-66

Foglietti (Senigallia) mantiene i piedi ben a terra anche dopo questo successo. “ Rispetto all'amichevole di mercoledì il nostro atteggiamento è cambiato completamente e questo mi fa ben sperare. Ci sono stati dei miglioramenti in difesa e per quanto riguarda l'attacco vedo che la palla inizia a muoversi di più. I ragazzi stanno diventando consapevoli del ruolo che ognuono di loro, con le proprie caratteristiche, ha all'interno della squadra.”

Bianchi (Teramo) analizza la sconfitta. “ Abbiamo problemi di personalità e leadership, dobbiamo lavorare su questo aspetto mentale perchè in questo momento non siamo bravi a gestire i break negativi che subiamo. Considerando i tanti tiri aperti che abbiamo sbagliato direi che la prova in attacco è stata sufficiente anche per la disponibilità e la ricerca di quel passaggio in più, di contro abbiamo difeso malissimo dimenticandoci le nostre regole. Non siamo ancora capaci di rimanere sul pezzo.”





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-09-2017 alle 09:59 sul giornale del 18 settembre 2017 - 319 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, senigallia, pallacanestro, A.S.D. Pallacanestro Senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aM7d





logoEV