Bello: "I vaccini sono una cosa e la difesa dell'ospedale un'altra: entrambe sono battaglie da combattere"

29/08/2017 - Mi trovo perfettamente d'accordo con quanto dichiara il Presidente 'delegato' alla sanità regionale, Fabrizio Volpini. Credo, infatti, necessario e urgente 'fare un passo avanti e introdurre l'obbligo vaccinale per il personale ospedaliero, che sta a contatto con soggetti a rischio'.

E' una questione di 'salute pubblica' e, come tale, la salute pubblica va preservata, tutelata e controllata in ogni ambiente, non solo lavorativo. Spetta, quindi, alla Regione e allo Stato fare quel 'passo avanti necessario'. Quindi, spetta proprio a Fabrizio Volpini, al Governatore Ceriscioli (anche in qualità di Assessore regionale alla Sanità) occuparsi di questa realtà che il 'caso' dell'ostetrica dell'ospedale di Senigallia affetta da morbillo ha messo, in queste ore, sul tavolo del dibattito.

Come del resto, spetta anche anche al Governo e al Parlamento nazionali introdurre o innovare la normativa già vigente. Ognuno per le sue competenze, ognuno riguardo ai ruoli che ricopre.

Il 'caso' di Senigallia ha aperto la 'porta' del confronto, ma è ovvio che non ci sia tempo da perdere perché non si può operare sempre in termini di emergenza. La 'salute pubblica' non è solo emergenza, ma anche prevenzione.

Altra cosa è la difesa della nostra struttura ospedaliera, che di fatto negli ultimi quindici anni è stata depotenziata grazie ad una serie di piani sanitari regionali, a cui anche Fabrizio Volpini e il suo partito (PD) hanno contribuito idealmente e materialmente a sostenere e ad attuare. Il nostro Ospedale sta subendo un ulteriore 'attacco' con atti amministrativi da parte di chi, Regione e ASUR, vorrebbe ridimensionarlo ancora, senza tener conto della sua funzionalità e della sua utilità strategica per Senigallia e per il territorio comprensoriale con circa centomila abitanti, che raddoppiano durante la stagione estiva.

Certo che i 'comitati' e i 'paladini' della sanità pubblica hanno a cuore il futuro dell'Ospedale di Senigallia, ma hanno a cuore anche quello dei servizi e delle strutture sanitarie del territorio vallivo. I 'paladini' lo stanno dimostrando in questi mesi, ma lo hanno fatto sempre in questi ultimi quindici anni, mentre Tu, caro Fabrizio, appoggiavi e condividevi appieno le scelte del Governo regionale a guida DS-PD in materia di sanità, che poi hanno portato il nostro territorio ad essere la 'cenerentola' dell'intero territorio regionale.

Caro Fabrizio i vaccini sono una cosa e la difesa dell'ospedale di Senigallia un'altra. Entrambe, quindi, sono battaglie che vanno combattute: SI' ai vaccini e NO al depotenziamento del nostro Ospedale civile! Siamo d'accordo su entrambi, giusto? Ognuno agisce nella propria sfera di competenza, ma con un comune obiettivo.

 


da Energie per Senigallia
Associazione culturale e politica




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-08-2017 alle 10:10 sul giornale del 30 agosto 2017 - 792 letture

In questo articolo si parla di attualità e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aMvZ