Ostra: commemorazione "fascista", Anpi, "Basta con le mistificazioni"

anpi 10/08/2017 - L'ANPI della provincia di Ancona, in merito all'episodio di Ostra, ribadisce la sua ferma condanna per quanto reiterato negli anni, sulla scia di mistificazioni e di un revisionismo dilagante, che vorrebbe accreditare una sorta di parificazione delle tragiche vicende che segnarono la fine della II Guerra Mondiale, ponendo sullo stesso piano quanti combatterono e diedero la vita per liberare l’Italia dalla dittatura fascista e dall’occupazione nazista, e chi ne fu artefice e servo.

In particolare l'ANPI, a fronte del sacrificio dei Partigiani Maggini, Brutti e Galassi il cui assassinio è rimasto impunito, stigmatizza il tentativo di attribuire a risentimenti emotivi quello che non potrà essere cancellato dal giudizio della storia tanto più in presenza di un'ostentata simbologia dal chiaro richiamo nazista e fascista.

L'ANPI, certa dei sentimenti antifascisti e democratici sanciti dalla nostra Costituzione, e che devono sempre connotare il ruolo delle nostre Istituzioni, rinnova le richieste di impegno in tale direzione a tutti i rappresentanti delle Istituzioni, dei partiti, delle forze sociali e della cittadinanza al fine di salvaguardare i valori fondanti la nostra Democrazia.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-08-2017 alle 11:08 sul giornale del 11 agosto 2017 - 801 letture

In questo articolo si parla di attualità, ancona, anpi, Associazione Nazionale Partigiani d'Italia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aL6k