Senigallia sempre più dog friendly: al via l'Albero della Vita, un cimitero ecologico per gli amici a quattro zampe

18/07/2017 - In sinergia tra l’amministrazione comunale, le Associazioni cinofile, insieme alle nuove entità economiche di cremazione di animali da affezione è partito il progetto Albero della vita. L'idea è quella di creare un cimitero ecologico, per gli amici a quattro zampe, inserito in un bosco urbano.

Il progetto è stato approvato con la delibera n° 150 della seduta del 04/07/2017. "L’iniziativa l'Albero della Vita permette, in un certo senso, di far rivivere il nostro compagno - si legge nella delibera - tramutando le sue spoglie in un albero che crescerà all’interno di un bosco urbano. A seguito della cremazione, le ceneri saranno poste in una speciale urna/vaso biodegradabile che ospiterà un albero o arbusto. Tale pianta andrà a formare un bosco urbano in un’area assegnata dall’Amministrazione comunale.

Sarà espressione di continuità della vita, cercando di rendere il più naturale possibile il difficile momento del distacco. Un Cimitero ecologico-bosco urbano per gli animali d’affezione per consentire la continuità del rapporto affettivo tra i proprietari e i loro animali deceduti. Un luogo idoneo a garantire la tutela dell’igiene pubblica, della salute della comunità, degli animali e dell’ambiente senza oneri per l’Amministrazione pubblica e la collettività.

L’amministrazione comunale determinerà una o più aree verdi da destinare alla realizzazione del progetto. In questa prima fase si ipotizzano due aree verdi a Roncitelli e Cesanella per un totale di circa 6000 mq e la possibilità di piantumare circa 600 alberi con un sesto 3 x 3 mt compresi i camminamenti. Queste aree verranno suddivise in caselle numerate su indicazioni dell’Amministrazione comunale, al fine di prevedere un bosco organizzato con un sesto di impianto adeguato che nel tempo possa essere integrato con il paesaggio.

Ogni casella numerata sarà relativa ad un animale che verrà opportunamente registrato dalla azienda crematoria con il nome dell’animale, della famiglia di origine, in modo che si possa avere un registro di tracciabilità. Le piante saranno scelte tra quelle idonee ad un arredo urbano coerente con il Piano Strutturale del Verde e tali da crescere anche in assenza di grandi manutenzioni.”

Le piantine che potranno essere inserite nel bosco urbano comprendono tra le altre il Frassino, l’Olmo, la Quercia, l’Acero, l’Ulivo, il Pioppo bianco, il Pioppo Nero e tra gli arbusti il Corbezzolo, la Fillirea, il Sambuco, il Prugnolo spinoso.  





Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2017 alle 11:50 sul giornale del 19 luglio 2017 - 4319 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLlh





logoEV