Ostra Vetere: un libro in dialetto per la cupola

14/07/2017 - “Basta a fasse paranoje pe’ come parlamo: dovemo esse fieri della lingua ch’emo ereditado!” Su questa frase si fonda l’idea che ha spinto un giovane a ritrovarsi autore di un libro scritto completamente in dialetto.

Lo scrittore, Giacomo Giannini di Ostra Vetere, da un’idea nata per caso, ha cominciato per scherzo a scrivere qualche riga che poi, giorno dopo giorno, portandosi sempre con sé un piccolo taccuino e una matita, ha cominciato a prendere forma e diventare un vero e proprio libro sul dialetto, sul dialetto MONTENOVESE. Un libro semplice - non un lavoro da linguista - che raccoglie: regole grammaticali, modi di dire, storielle, mini-dizionario e altri contenuti speciali tutti scritti in dialetto “corrente” e con un pizzico di autoironia. All’interno del libro infatti non ci sono studi storici né filologici, c’è solo tanta passione e voglia di rinvigorire quella particolarità dialettale che con il tempo è destinata a perdersi sempre di più.

Il libro verrà presentato ad Ostra Vetere venerdì 21 Luglio alle 21.10 in P.zza della Libertà in occasione della serata “Semo Gente de Core”, una serata tutta in dialetto montenovese. Il ricavato del libro andrà devoluto interamente al simbolo del piccolo borgo medioevale: la Cupola! La chiesa di Santa Maria di Piazza, infatti, è chiusa ormai da mesi... Tutti invitati a partecipare e contribuire: una piccola goccia che si aggiunge al grande mare!







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-07-2017 alle 09:39 sul giornale del 15 luglio 2017 - 1028 letture

In questo articolo si parla di attualità, ostra vetere

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aLes