Consiglio delle Donne: si alla petizione per tutelare gli orfani dei femminicidi

12/07/2017 - È fermo in Senato il disegno di legge che mira a tutelare gli orfani delle vittime di femminicidio, donne uccise per mano del "coniuge, anche legalmente separato o divorziato, dall'altra parte dell'unione civile, anche se l'unione civile è cessata, o dalla persona che è o è stata legata da relazione affettiva e stabile convivenza." (Cit.)

"Con questa raccolta firma vogliamo sensibilizzare le istituzioni, a cui chiediamo una rapida approvazione della legge per tutelare i figli delle vittime di femminicidio e fermare l'inarrestabile aumento dei casi di delitti domestici, per garantire a tutti i nostri figli un futuro di speranza" - afferma la presidente del consiglio delle donne di Senigallia Michela Gambelli.

Tra i primi firmatari la senatrice Silvana Amati in prima linea in Senato e da sempre attenta al consiglio delle donne della città di Senigallia. I figli delle vittime non possono più attendere. E mentre l'iter di approvazione della legge si è fermato, continua a crescere il numero delle donne vittime degli stessi uomini con cui hanno condiviso relazioni e sentimenti, trasformatisi in loro carnefici.

"Il disegno di legge già approvato dalla Camera prevede l'assistenza legale con l'accesso al patrocinio a spese dello Stato per i figli delle vittime, l’inasprimento della pena per gli assassini, il sequestro conservativo dei beni dei colpevoli a garanzia del risarcimento dei danni in favore dei figli delle vittime, la previsione di un fondo di solidarietà per gli orfani, assistenza gratuita, sostegno psicologico, morale e sanitario per i figli delle vittime." Spiega l'avvocato Elisa Pellegrini del comitato esecutivo del consiglio delle donne.

Dopo una prima approvazione da parte della Camera il ddl e ora fermo in Senato. Il Consiglio delle donne del Comune di Senigallia ha deciso di non rimanere fermo ed impassibile di fronte alla tragica realtà che ci viene raccontata ormai troppo spesso dalla cronaca e di far sentire la voce silenziosa ma profondamente dolorosa di tutti quei bambini rimasti orfani per mano di coloro che anzichè proteggerli, tutelarli , hanno tolto loro un’infanzia spensierata e serena, lasciandoli orfani due volte. È possibile firmare attraverso la pagina del Consiglio delle Donne oppure accedendo direttamente al link: https://www.change.org/p/parlamento-tuteliamo-gli-orfani-delle-vittime-di-femminicidio





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-07-2017 alle 17:39 sul giornale del 13 luglio 2017 - 381 letture

In questo articolo si parla di attualità, consiglio delle donne, donne, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLaR