"Una soppressione incomprensibile", preoccupazione per l’UTIC di cardiologia

09/07/2017 - Razionalizzare non vuol dire demolire. Preoccupazione e amarezza sono gli stati d’animo dell’Associazione Cuore di Velluto Onlus in seguito alla previsione di sopprimere l’ UTIC dalla Cardiologia dell’Ospedale di Senigallia inserita nella delibera ASUR nr. 361 dello scorso 23 giugno.

Senigallia, e lo vediamo proprio in questi giorni estivi dove il turismo contribuisce ad un forte incremento della popolazione, non può permettersi di veder depotenziare il presidio ospedaliero togliendo “pezzi” importanti della struttura. Cuore di Velluto Onlus nasce da una iniziativa spontanea di alcuni cittadini e tra le finalità, oltre a divulgare la cultura della prevenzione, ha proprio quella di “accompagnare” il paziente cardiopatico nel suo percorso clinico affidandosi alla struttura sanitaria cittadina.

Un reparto che grazie alla sua ricca storia clinica nel panorama regionale vanta da sempre la presenza di professionisti (medici ed infermieri) verso i quali l’Associazione nutre stima e fiducia per il lavoro svolto quotidianamente a tutela della nostra salute. La convinzione è allora quella che una decisa revisione di detta delibera ASUR possa avvenire e che, come in tante altre occasioni, il Presidente della IV Commissione Regionale “Sanità e Politiche Sociali” dr. Fabrizio Volpini, il Sindaco Maurizio Mangialardi, e con loro l’intera politica cittadina, facciano del “loro” perché il nostro ospedale, e soprattutto noi cittadini non vediamo smantellare una Unità preziosa come la Terapia Intensiva Cardiologica.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-07-2017 alle 17:00 sul giornale del 10 luglio 2017 - 2056 letture

In questo articolo si parla di attualità, senigallia, Associazione Cuore di velluto e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aK5d