Una poesia del senigalliese Mohamed Malih pubblicata su una rivista americana

07/07/2017 - Ha attraversato l’oceano per essere pubblicata sulla rivista statunitense Silk Road una poesia del senigalliese di origine marocchina Mohamed Malih, dal titolo “Profughi”.

Grazie ad un’amica che conosceva il testo, la poesia è giunta negli Stati Uniti. Tra i tanti componimenti, tutti di scrittori migranti, giunti alla rivista proprio quello del senigalliese è stato tradotto in inglese e pubblicato. Una bella soddisfazione per chi ogni tanto si diletta nella scrittura di versi.

 “È una poesia scritta qualche anno fa – ha detto Mohamed Malih – ma il tema dei migranti che rischiano la vita in mare resta un tema sempre attuale. È l’unico componimento con questo tema che ho scritto, ma ogni tanto mi piace comporre poesie anche con altre tematiche.”

Il link alla rivista http://silkroad.pacificu.edu/issues/issue-17/refugees/

Profughi

By: Mohamed Malih


In sella ai nostri anni migliori

sfidiamo il mare

scrutando rotte

di mille altri destini alla deriva

l’approdo è un azzardo

alle porte di Lampedusa

altre storie verranno a galla

impigliate nelle reti dei pescatori

l’enfasi lasciamola ad altri esodi

noi siamo solo profughi

protagonisti della cronaca

e clandestini alla storia.





Questo è un articolo pubblicato il 07-07-2017 alle 10:07 sul giornale del 08 luglio 2017 - 1742 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, redazione, Sara Santini, articolo e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aK2n





logoEV