Blitz dell'opposizione in ospedale: "Stanno smantellando la sanità, l'amministrazione spieghi ai cittadini"

06/07/2017 - Blitz giovedì mattina all'ospedale di Senigallia dei consiglieri comunali dell'Unione Civica Roberto Paradisi e Luigi Rebecchini, e del consigliere di Forza Italia Alan Canestrari di Forza Italia.

“La situazione è drammatica – ha detto Paradisi – con la delibera del 23 giugno che chiude la terapia intensiva cardiologica, per cui non ci sarà più un medico 24 ore su 24, è iniziato di fatto lo smantellamento dell’ospedale cittadino. Tutto questo d’estate quando la popolazione di Senigallia aumenta notevolmente per via dei turisti”.

“Senza considerare – aggiunge Rebecchini – la situazione già poco efficiente dei reparti di Otorinolaringoiatria e Oculistica, come avevo già denunciato in passato, in cui di notte non è assicurata la presenza del medico, con necessari trasferimenti dei pazienti urgenti a Jesi o Fabriano”.

“Quello che fa più indignare – ha detto Canestrari – è che a Senigallia ci sono ottimi specialisti, ma la politica ha svenduto l’ospedale.”

All’interno degli uffici dell’ospedale era nel frattempo in corso una riunione tra i vertici della struttura e l’amministrazione, interrotta dall’irruzione dell’opposizione intenta a manifestare. Il sindaco di fronte all’insistenza di chi protestava ha assicurato poi l’impegno a discutere in Commissione della questione dell’ospedale.

"La situazione – ha affermato Roberto Paradisi – è già da tempo complicata: pensiamo ai lavori nel reparto di Rianimazione che sono stati sbagliati e l’inaugurazione, che doveva avvenire a fine giugno è stata rimandata, ma anche per la carenza di personale: in Gastroenterologia un medico che è andato in pensione da oltre un mese non è stato ancora sostituito, lo stesso in Medicina dove uno è stato trasferito, un altro è andato in pensione e uno ci andrà tra poco, ma non è stato previsto l’avvicendamento. Simile la situazione in Neurologia dove da un anno non è stato sostituito il primario che se ne è andato, senza considerare già da tempo la sospensione degli interventi di applicazione dei pacemaker.
 

Con l'incursione in ospedale abbiamo fatto entrare la città in quella stanza riservata agli addetti ai lavori e aperta solo a medici che hanno la consegna coattiva del silenzio e politici del Partito Democratico - ha sottolineato Paradisi - abbiamo chiarito in termini fisici e simbolici ai vertici regionali sanitari che la città è indignata e li marca stretti. E se si rifiuteranno ancora di chiarire e riferire alla città nelle sedi istituzionali le loro scellerate decisioni, ci presenteremo ancora una volta e un'altra ancora in qualunque luogo si prenderanno decisionì sciagurate sulla pelle dei cittadini. Si sta delineando il futuro dell’ospedale e vogliamo che le decisioni vengano prese informando e rispondendo davanti ai cittadini stessi”.







Questo è un articolo pubblicato il 06-07-2017 alle 16:11 sul giornale del 07 luglio 2017 - 3479 letture

In questo articolo si parla di vivere senigallia, politica, redazione, ospedale di senigallia, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aKY7





logoEV