Rassegna di Storia Contemporanea, la Pizza democratica per salutarsi prima della pausa estiva

Associazione di Storia Contemporanea 02/07/2017 - Tanta gente ha preso parte negli ultimi due giorni di giugno all’ultimo appuntamento dalla XIII Rassegna di Storia Contemporanea promossa dal Centro Mazziniano e al Convegno internazionale di studi organizzato dall’Associazione di Storia Contemporanea, “La gioventù degli storici e delle storiche”.

Quasi a confermare che in una città ricca di appuntamenti musicali e d’intrattenimento, il desiderio di cultura non fosse certo venuto meno. Gli organizzatori plaudono all’iniziativa (in allegato un collage di alcuni momenti convegnistici) non solo per i rilievi quantitativi (la Sala panoramica dell’Hotel City era già gremita mentre continuava ad arrivare il pubblico), ma perché hanno presenziato a un avvenimento sotto molti punti di vista innovativo – parlare di storiche e storici del secolo scorso, europei e statunitensi, studiati nella loro fase di apprendistato prima di raggiungere la notorietà – le generazioni più disparate: si sono visti studenti liceali e universitari, giovani alle prime esperienze con la ricerca storica, studiosi navigati e cultori e appassionati di diverse età.

I presenti al Convegno sono stati omaggiati del nuovo numero di “Itineris”, la rivista ASC sulla storia dei viaggi in età contemporanea, e della nuova pubblicazione “Novecento. Luci, ombre, lasciti” (Pensiero e Azione Editore, 2017) che si trova nelle librerie cittadine. La piena riuscita dell’iniziativa va ascritta alle pregevoli e avvincenti relazioni, al valido contributo organizzativo degli associati, a quello prezioso degli sponsor (BCC Ostra e Morro d’Alba; Tecno Elettrica; Hostaria La Posta; Lucifero) e a una formula convegnistica pensata per accontentare un pubblico trasversale.

Studiosi che hanno lasciato una traccia durevole nella storia (Renzo De Felice, Howard Zinn, Tony Judt, Mario Isnenghi, Franca Pieroni Bortolotti, Romain Rolland), altri meno conosciuti ai più (come Amy Bernardy e Augusto Vasina) e un modernista di vaglia come il senigalliese Renzo Paci sono stati inquadrati in maniera puntuale e approfondita.

Mentre nel primo autunno si avranno già gli Atti di quest’assise significativa, l’Associazione di Storia Contemporanea dà appuntamento a soci, cittadini, turisti e zimpatizzanti per l’ultima iniziativa associativa prima della pausa estiva: martedì 4 luglio – incrocio di tante ricorrenze democratiche, dalla “Declaration” a stelle e strisce al compleanno di Garibaldi e alla caduta della gloriosa Repubblica romana del 1849 – andrà in scena, come di consueto, la “Pizza democratica” al Ristorante “Pomodoro” (Lungomare L. da Vinci, 69 A - Senigallia).

È necessario prenotare (entro la sera di lunedì 3) scrivendo alla mail ascontemporanea@gmail.com oppure chiamando direttamente il Ristorante (071-60934). Infine si ricorda che per una serie di importanti impegni che coinvolgeranno alcuni soci in sede, l’Associazione resterà chiusa durante i mesi di luglio e di agosto: sarà comunque possibile accedervi prendendo un preventivo appuntamento alla mail sopra indicata.


da Associazione di Storia Contemporanea
Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-07-2017 alle 19:08 sul giornale del 03 luglio 2017 - 364 letture

In questo articolo si parla di cultura, storia, senigallia, storia contemporanea, associazione di storia contemporanea

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aKRN





logoEV