Quando le parole non bastano per descrivere le emozioni arrivano gli stickers di Senigallia

09/06/2017 - È ormai consuetudine nei messaggi aggiungere alle proprie parole delle emoji che manifestano le nostre emozioni: un sorriso, un "ok", un cuore, un fiore o molte, moltissime altre possibilità.

Nei programmi di messaggistica più avanzati, come ad esempio Telegram, le emozioni non si limitano ad una faccina gialla, ma crescono in dimensioni e diventano un vero e proprio adesivo (sticker) che si appiccica sulla chat.

Approfittando della presenza dell'artista Giacomo di Lenardo in redazione, abbiamo realizzato uno sticker dedicato alla città di Senigallia.
Giacomo è stato nella redazione di Vivere Senigallia per due settimane grazie ad uno stage del liceo Medi, nell'ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro triennale sulla comunicazione.

Per vedere il suo lavoro, e per mandare ai vostri amici gli stickers che raffigurano il Monco e Penelope, basta installare Telegram e cliccare su: https://t.me/addstickers/senigallia

Oltre al Monc' in piazza e alla Penelope di Gianni Guerra Di Lenardo ha raffigurato anche il dirigente scolastico Daniele Sordoni per sottolineare la partecipazione del Liceo Medi al Progetto. Tra le altre immagini anche due caricature di Davide Baldoni del sindaco Mangialardi e del creatore del Summer Jamboree Angelo Di Liberto. A completare lo "stickers pack" alcuni modi di dire Senigalliesi.

Chi volesse contribuire alla raccolta stickers di Senigallia può inviare i propri disegni a redazione@viveresenigallia.it. Per informazioni sulle specifiche tecniche potete contattare @RedazioneVS su Telegram.

Ecco alcune delle immagini, su Telegram ne troverete tante altre!







Questo è un editoriale pubblicato il 09-06-2017 alle 14:57 sul giornale del 10 giugno 2017 - 1982 letture

In questo articolo si parla di attualità, michele pinto, editoriale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aKby