Serra de' Conti: un appello per la Chiesa di Madonna del Piano

02/06/2017 - Il viaggiatore che percorre la strada per Serra de’ Conti, dopo il bivio per Arcevia poco prima della frazione Osteria può notare sulla sinistra un edificio religioso in rovina.

Si tratta delle vestigia della chiesa di S. Maria delle Grazie detta comunemente Madonna del Piano, delle cui origini si sa solo che venne eretta nelle forme attuali da alcuni benefattori privati nel ‘500 lungo il vecchio tracciato della strada territoriale, che allora passava proprio davanti la sua facciata orientata verso est. Successivamente fu presa sotto il proprio patronato dalla famiglia dei marchesi Honorati, che la tennero fino alla fine degli anni ’60 del secolo scorso, quando, sottratta sconsideratamente al culto, venne venduta ad un privato di Serra de’ Conti, che circa una ventina di anni fa la cedette al comune. Negli anni seguenti, andato a vuoto ogni tentativo di inserirlo in un progetto ministeriale, mancando le risorse necessarie per restaurarlo, l’edificio è stato abbandonato a se stesso e nessuna precauzione è stata presa per proteggerlo dalle intemperie, che hanno finito per far crollare la copertura.

Oggi restano solo le pareti esterne a testimoniare la presenza di un edificio storico così importante per la comunità locale e per il territorio e perciò meritevole di essere salvato nei limiti in cui la struttura lo consente. Il che è ancora possibile, perché i muri perimetrali con le loro arcate tamponate appaiono abbastanza solidi e soprattutto rivelano di essere stati in precedenza i muri portanti della navata centrale di un edificio più antico o forse progettato e mai compiuto. La sola conservazione dello scheletro dell’edificio, protetto e riportato alla sua forma originaria con l’eliminazione delle tamponature degli archi, sarebbe sufficiente a conservare e tramandare la memoria della chiesa stessa, trasformando così un rudere informe in un piccolo, ma suggestivo monumento inserito in un’area verde.

Oltre a questo, in una nicchia dell’altare maggiore si conserva un affresco, rovinato dal tempo, malamente ritoccato da più mani, ma ancora ben leggibile. Dovrebbe risalire al ‘500 e raffigura la Vergine con il Bambino affiancata dai santi protettori del paese, San Fortunato e il Beato Gherardo. Si tratta di un soggetto che, al di là del valore artistico, ha un grande significato simbolico e devozionale per la comunità, per cui appare ancor più meritevole di essere salvato e restaurato, procedendo al suo distacco e alla sua successiva collocazione nella chiesa attuale della borgata come collegamento ideale fra il passato e il presente.

Facciamo appello quindi a tutte le istituzioni e ai privati cittadini del luogo, ma soprattutto all’Amministrazione Comunale di Serra de’ Conti, affinché in quanto proprietaria del manufatto si faccia parte attiva per la sua salvaguardia, iniziando dalla messa in sicurezza dell’edificio e dallo sgombero del materiale crollato per permettere il sopralluogo e verificare la fattibilità dell’operazione e il successivo distacco dell’affresco. La nostra Associazione, il cui compito è proprio quello della salvaguardia dei beni culturali, farà la sua parte insieme ad altre associazioni locali e ai cittadini nel collaborare a quanto necessario per rendere possibile questa meritevole operazione.







Questo è un editoriale pubblicato il 02-06-2017 alle 16:01 sul giornale del 03 giugno 2017 - 1564 letture

In questo articolo si parla di attualità, serra de' conti, Italia Nostra - Senigallia, editoriale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aJZo





logoEV