Scarico sul fiume Cesano provoca moria di pesci, indagini dei carabinieri forestali

02/06/2017 - Nella mattinata di venerdì 2 giugno i Carabinieri forestali di Jesi e Senigallia sono intervenuti per accertamenti nel Comune di Senigallia, a seguito della chiamata di un cittadino pervenuta alla Centrale Operativa Regione, che segnalava una moria di pesci nella foce del Fiume Cesano.

I militari intervenuti insieme al personale dell’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale per le Marche, ed al personale ASUR, hanno potuto accertare l’effettiva presenza di numerosi pesci morti in prossimità della foce.

Poco più a monte della moria risultava attivo uno scarico di acque verdi lattiginose riconducibile ad un’azienda del Comune di Senigallia che lavora prodotti vegetali, il quale aveva generato una evidente scia che aveva invaso buona parte dell’alveo attivo del fiume Cesano fino alla foce.

Le ipotesi di reato a carico del Direttore e del Presidente dell’Azienda, i quali nei prossimi giorni verranno deferiti alla Procura della Repubblica di Ancona, sono il Danneggiamento aggravato di acque pubbliche ed il deturpamento delle bellezze naturali.

Sono stati effettuati anche i prelievi presso il pozzetto di ispezione dell’azienda, e verificati i depuratori, e nei prossimi giorni gli esiti dei prelievi sulle cause di mortalità dei pesci e sulle componenti inquinanti presenti nello scarico potranno consentire di definire meglio le ipotesi di illecito.







Questo è un articolo pubblicato il 02-06-2017 alle 21:01 sul giornale del 03 giugno 2017 - 1889 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, redazione, fiume cesano, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aJZQ