Creepypasta e bufale: le leggende metropolitane vivono su Internet

29/05/2017 - Vi ricordate quando fra amici, al campo estivo, vi raccontavate quelle storie di terrore in grado di tenervi svegli per tutta la notte, con tanto di palpitazioni al seguito? Adesso che siete cresciuti probabilmente le avete rimosse, o le ricordate con nostalgia.

Poco male perché, se avete voglia di un bel tuffo nel passato, vi basta aprire il browser e navigare su Internet: qui troverete qualsiasi leggenda metropolitana vecchia e nuova, oltre ovviamente a bufale di ogni sorta, molte delle quali di “ultima generazione”, ovvero nate e diffusesi proprio grazie alla rete. Parliamo dei cosiddetti “Creepypasta” e di quelle informazioni che possono creare false speranze.

Creepypasta: la paura corre sul filo della rete
I creepypasta (letteralmente: “creepy and paste”, ovvero “spaventati e incolla”) sono storielle di orrore pubblicate in forma autonoma (e anonima) sui vecchi forum di Internet o sui luoghi misteriosi del deep web, che si sono diffuse in modo virale generando autentiche leggende metropolitane. Spesso sono accompagnate da foto e video spaventosi e dalla natura paranormale, oppure da presunte testimonianze che servono per renderle più realistiche. Si tratta di un vero e proprio fenomeno di massa che ha anche generato dei mostri oggi protagonisti di film e di romanzi, come ad esempio il famosissimo “Slender Man”. Come sempre, queste sono storie che servono per farci passare qualche momento di consapevole paura, dunque tutto sommato innocue.

Non solo Creepypasta: anche le bufale fanno paura
I creepypasta almeno sanno di essere ciò che sono e difficilmente vengono scambiati per qualcos’altro. Al contrario delle bufale, che invece possono essere molto pericolose e illusorie. E la rete sa bene come diffonderle: basti pensare alle leggende metropolitane sui trucchi per vincere alle slot machine, diffusi con l’obiettivo di spingere le persone a giocare, a scommettere e diventarne dipendenti. Quando invece basterebbe semplicemente l’onestà e la chiarezza, dato il gran numero di appassionati che non ha avuto bisogno di “stimoli”. Per questo motivo, sul sito di slotmachineaams.it si può consultare una pagina che fa chiarezza proprio sui trucchi per slot machine, distinguendo quest’ultimi dalle strategie, termine più appropriato per un gioco basato soprattutto sulla buona sorte.

Quando la bufala diventa un Creepypasta: Blue Whale
Adesso va di moda il Blue Whale, quel gioco diffusosi sui social che cattura gli adolescenti depressi spingendoli al suicidio. Persino Le Iene hanno fatto un servizio sulla Balena Blu, ma incappando probabilmente in una bufala. Spaventosa e un po’ creepypasta, ma pur sempre una bufala. Premettendo che il condizionale è sempre d’obbligo, la storia di questo presunto gioco nato in Russia e diffusosi in Italia non sembra discostarsi tanto dalle vecchie storie horror dei forum: ci sono persino le presunte testimonianze video caricate su YouTube, ovvero l’elemento cardine che fa la differenza fra una storiella ed un creepypasta virale.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-05-2017 alle 18:46 sul giornale del 29 maggio 2017 - 227 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aJRC





logoEV