Calcio a 5: Serie B, Corinaldo, salvezza all'ultimo grido!

05/05/2017 - B come Corinaldo. Lo stesso slogan creato ad hoc due anni fa per la promozione nella serie B nazionale. “B come Corinaldo” è di nuovo l'urlo di gioia dei corinaldesi, giocatori e tifosi, dopo aver acciuffato una salvezza che ha dell'incredibile.

Questa salvezza dal profumo d' impresa la dedichiamo al nostro Crodo, il nostro numero 7, il nostro amico e compagno Davide Fabri scomparso il settembre scorso. 

Ai blocchi di partenza, con i sfavori dei pronostici, mister Davide Gurini e il suo “made in Corinaldo” non hanno mai alzato bandiera bianca, acciuffando, nelle ultime sei gare, una salvezza insperata. La sliding door dell'intera storia è a Fano, contro l'Alma Juventus. Qui il Corinaldo sceso in campo è un'ombra sbiadita, arrendevole, perdiamo, meritatamente, 6-0. Lì scatta quel qualcosa chiamato orgoglio. Ad Atri, contro l'Hatria, il Corinaldo inizia a scrivere l'ultima pagina del proprio libro, una pagina dettata dal ritmo corale di mani e piedi, a suon di tenacia e consapevolezza.

Un ultimo capitolo di una storia fino all'ultimo imprevedibile. Vinciamo 0-3, ma vince anche l'Eta Beta. Non siamo gli unici padroni del nostro destino. La frustrazione per il dipendere dagli altri potrebbe far svanire la magia da un momento all'altro. Vinciamo in casa contro il Cesena (5-4 negli ultimi secondi). Pareggiamo amaramente in casa del Cus Ancona (1-1). Sconfitta casalinga contro il Todi (4-6) e la stagione sembra giunta al termine. Non è così.

A Fano, contro l'Eta Beta, un solo risultato utile, la vittoria e il buon vecchio Corinaldo l'agguanta (2-5). In casa, nell'ultima della regular season contro il Città di Montesilvano, c'è un’altra, un’ultima vittoria da contemplare per non retrocedere direttamente. Dopo un'interminabile battaglia, a 7 secondi e 7 dal termine Micci regala al suo Corinaldo un balzo dalla penultima alla quartultima posizione e un'ultima chance salvezza chiamata playout contro la quartultima del girone C, la toscana Mattagnanese. Andata e ritorno. La prima, in casa, vinciamo 5-4, ma usciamo dal campo insoddisfatti e pieni di “se”. Sabato 29 aprile arriviamo a Borgo San Lorenzo pieni di “nonostante” con pullman e auto di tifosi al seguito, la nostra forza più autentica. Vinciamo 5-10. Il Corinaldo nazionale, per il secondo anno consecutivo, è salvo.

Mattagnanese: Scandale, Nardini, Corsi, Bianchi, Quartani, Giordani, Mucaj, Mecca, Secchioni, Hernandez, Mei, Dallai.
Corinaldo: Pachiega(P), Ricordi(P), Bergamotti, Di Tommaso, Balducci A.(C), Bronzini, Campolucci, Mancini, Rotatori, Balducci E., Micci, Fratoni. All.Gurini
Reti: 2' 1-0 Giordani, 5' 1-1 Campolucci, 12' 1-2 Rotatori, 17' 1-3 Balducci E., 18' 2-3 Secchioni (tiro libero), 18' 3-3 Secchioni (rigore) // 20'55” 3-4 Rotatori, 22' 4-4 Secchioni, 23' 4-5 Mancini, 28' 4-6 Balducci E., 28' 4-7 Mancini 2, 30' 4-8 Mancini, 34' 5-8 Quartani, 38' 5-9 Micci, 39' 5-10 Ricordi

Mister Gurini: “L'epilogo della stagione è il risultato di un lavoro corale portato avanti con il massimo impegno da parte di giocatori, dirigenti, tifosi, staff tecnico. Anche quando la salvezza sembrava ormai essere un miraggio, la società tutta ha fatto quadrato e, con decisa coerenza, ha fortemente portato avanti le proprie scelte d'inizio stagione, trasmettendo fiducia in tutto il gruppo e investendo di positive responsabilità tutto l'ambiente.”

Antonello Balducci, capitano: “Grazie a tutti. Grazie alla società che non c'ha fatto mancare nulla, agli allenatori e allo staff che ci hanno fatto crescere come giocatori e come uomini. Grazie ai miei compagni che hanno messo impegno, cuore e passione in ogni partita e allenamento. Grazie a chi la squadra l'ha seguita in lungo e in largo ogni sabato. Grazie ai tifosi che ci hanno fatto sempre sentire campioni. Grazie a chi c'è stato prima, perché senza non saremmo quello che siamo oggi. Grazie a chi ci vuole bene e anche a chi ci vuole male, perché ci ha fatto trovare energie nuove e insospettabili. Grazie a chi non c'è più, perché c'è sempre stato e sempre sarà con noi. Una stagione in cui la missione sembrava davvero impossibile, rimarrà un capolavoro pieno di emozioni impresse nella memoria e per sempre nella storia del Corinaldo Calcio a 5.”







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-05-2017 alle 11:11 sul giornale del 06 maggio 2017 - 1070 letture

In questo articolo si parla di calcio, corinaldo, calcio a 5

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aI38