Coordinamento Senigallia per Renzi: "Grazie ai rappresentanti delle varie mozioni, dalle primarie esce un Partito più forte"

matteo renzi 04/05/2017 - Domenica 30 aprile il Partito Democratico ha celebrato la festa della democrazia, quasi due milioni di persone, nonostante il ponte per le festività del 1 maggio, si sono messe in fila ai seggi e pagato 2 euro per esprimere la loro adesione ad un progetto politico della sinistra riformista, alternativo ai populismi ed alle destre.

Anche Senigallia ha fatto la propria parte, alla fine della giornata dei 1.840 votanti, oltre 1300 sono stati coloro che hanno scelto in Matteo Renzi il leader politico del partito con una percentuale di preferenza di oltre il 70% rispetto agli altri candidati, perfettamente in linea con il dato nazionale. Il risultato nella nostra città non era scontato poiché insieme ad Andrea Orlando si sono schierati personalità autorevoli, spendibili e credibili quali la senatrice Amati, l'ex presidente della Provincia di Ancona, il presidente del Consiglio Comunale Dario Romano, anche coordinatore della mozione, ed illustri rappresentanti del partito interni al consiglio stesso.

Quello che però ha contraddistinto il percorso congressuale cittadino è stata, da parte di tutti, la profonda correttezza ed il rispetto per un confronto che ha sicuramente arricchito la politica senigalliese: ricordo appuntamenti importanti in cui è stata coinvolta la cittadinanza quali l'incontro con Luigi Marattin, consigliere economico della Presidenza del consiglio dei Ministri, con l'On. Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati e con il vicepresidente dell'Assemblea Nazionale Matteo Ricci.

Al successo delle primarie cittadine significativo è stato l'apporto degli altri due candidati, in special modo di Andrea Orlando che a Senigallia, anche grazie al supporto ricevuto dalle sue rappresentanze, ha ottenuto il miglior risultato provinciale. Il dato emblematico che esita dalla consultazione nazionale è l'assoluta coincidenza delle percentuali misurate nel congresso celebrato preventivamente tra gli iscritti rispetto a quelle delle primarie aperte a tutti, sintomatico del fatto che il progetto politico portato avanti da Matteo Renzi e Maurizio Martina ha convinto sia all'interno del partito che tra i simpatizzanti.

Sebbene da giorni fosse pronta sul tavolo la polemica sull'affluenza ai seggi, il risultato ottenuto, anche se inferiore rispetto alle precedenti consultazioni del 2013, ha comunque restituito un dato importante che ha superato le aspettative più ottimistiche. Ha sicuramente vinto Matteo Renzi, ma con lui ha vinto soprattutto il Partito Democratico e l'idea che è possibile, con un processo democratico, coinvolgere la popolazione in un progetto riformista che sembrava arenatosi dopo il referendum del 4 dicembre scorso.

Quello che esce dalle primarie è un Partito più forte e legittimato nella leadership che, nell'intenzione del segretario, deve ripartire dal basso per ricostruire il consenso necessario per affrancarsi quale forza di governo del paese. Un ringraziamento particolare va ai rappresentanti delle distinte mozioni ed a tutti i volontari che nell'ultimo mese hanno lavorato alla fase congressuale, alle diverse iniziative svolte sul territorio ed ai seggi di domenica scorsa.


da Coordinamento Senigallia con Renzi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2017 alle 12:46 sul giornale del 05 maggio 2017 - 585 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, pd, primarie, matteo renzi, Coordinamento Senigallia con Renzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aI17





logoEV