"La Città Futura" aderisce all'Earth Day 2017

Earth Day 23/04/2017 - Anche quest’anno “La Città Futura” di Senigallia ha aderito alla Giornata della Terra (Earth Day) condividendo l’appello degli organizzatori: “A un anno dalla ratifica dello storico accordo sul clima raggiunto a Parigi durante COP21, politica, economia, ma anche noi cittadini, ognuno per la sua parte, è responsabile della crisi che stiamo vivendo ed è per questo che ognuno ha il dovere di fare la propria parte per evitare che questa crisi da grave diventi irreversibile”.

L’Earth Day (Giornata della Terra) coinvolge 192 paesi del Mondo ed è la più grande manifestazione ambientale del pianeta, l’unico momento in cui tutti i cittadini del mondo si uniscono per celebrare la Terra e promuoverne la salvaguardia. Quest’anno, oltre a essere un momento di formazione e dibattito sui pericoli causati dai cambiamenti climatici e dalle questioni legate all’ambiente, sarà anche una giornata di lotte e proteste.

Per noi di “Città Futura” è l’occasione per denunciare i nuovi rischi che sta correndo il nostro Mare Adriatico per l’insensata politica filo-petrolieri che sta portando avanti questo Governo e quello precedente. Infatti lo scorso 3 aprile è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale un decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che consente, di fatto, nuove trivellazioni entro le 12 miglia marine. La legge, in realtà, prevede che entro le 12 miglia marine sia possibile solo continuare a estrarre con i pozzi esistenti e portare a termine il programma di sviluppo previsto al momento del rilascio della concessione.

Con il nuovo decreto, invece, si potrà modificare il programma di sviluppo e si potranno recuperare le riserve esistenti, e cioè costruire nuovi pozzi e nuove piattaforme. Quindi, eludendo il divieto di legge, potranno essere possibili nuove trivellazioni nelle aree ricadenti entro le 12 miglia marine già date in concessione. Questo decreto ministeriale rappresenta uno schiaffo nei confronti di 14 milioni di italiani che parteciparono l’anno scorso al referendum contro le trivellazioni e smentisce, se mai ce ne fosse stato bisogno, le roboanti e bugiarde dichiarazioni dell’ex capo del Governo Renzi che dichiarava il referendum contro le trivelle inutile in quanto non ci sarebbero state mai più trivellazioni entro le 12 miglia.

A livello internazionale, fulcro dell’iniziativa, è la difesa dell’integrità della scienza, sotto attacco da parte di politica e ingerenze esterne, da Washington, dove sfilano gli oppositori della politica ‘negazionista’ sul tema del riscaldamento globale di Donald Trump, a Roma dove si snoda la ‘Marcia per la scienza’. Nel corso degli anni la partecipazione internazionale all'Earth Day è cresciuta superando oltre il miliardo di persone in tutto il mondo. E’ l'affermazione della “Green Generation”, che guarda ad un futuro libero dall'energia da combustibili fossili, in favore di fonti rinnovabili, alla responsabilizzazione individuale verso un consumo sostenibile, allo sviluppo di una green economy e a un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2017 alle 10:28 sul giornale del 24 aprile 2017 - 347 letture

In questo articolo si parla di attualità, La Città Futura, earth day

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aIIe





logoEV