Sartini (SBC): "Ma quanto costa rifare i ponti cittadini a campata unica?"

giorgio sartini 03/04/2017 - La maggioranza ha più volte detto che non ci sono i soldi per rifare i ponti Garibaldi e 2 giugno, arrivando a chiudere quest'ultimo per presunti problemi di sicurezza. Ma quanto costa rifare i due ponti a campata unica? Il Consigliere Sartini ha chiesto al sindaco quanto costasse il rifacimento dei due ponti tramite atti formali (una interrogazione a risposta scritta e due interrogazioni a risposta orale in Consiglio).

Nessuna risposta dal sindaco, fino a quando gli uffici hanno detto che non c'era nessun preventivo e che ignoravano i costi di rifacimento a campata unica. Ma allora come può l'amministrazione dire che non ci sono i soldi, se non sa quanto costa rifarli? Senigallia Bene Comune, in ottica propositiva, ha dato il suo contributo sul tema, invitando il prof. Petrangeli - docente di Ponti presso l'Università di Pescara da 21 anni - a parlare alla 2° Commissione per chiarire sia i costi che le modalità tecniche di intervento. Il prof. Petrangeli ha illustrato che le campate da 10 metri, come quelle dei due ponti in questione, vengono giù solo se vengono giù le pile, e le pile non sembrano in condizioni tali da venir giù, quindi è una sciocchezza la chiusura di ponte II Giugno: "è un ponte che non campa altri quarant'anni, ma non è a rischio di crollo imminente. Non vale la pena metterci le mani, perché il costo è di poco inferiore a farli ex novo, e non essendo ponti di particolare pregio, non c'è nessun problema a demolirli e ricostruirli senza pile in alveo che sono devastanti, una sciocchezza, danno i problemi che sappiamo".

Il docente ha fatto presente comunque l'urgenza di eliminare i piloni in alveo perché pericolosi, in quanto, non solo accumulano i detriti in fase di piena, ma per effetto dell'attrito, rallentano la velocità dell'acqua attorno ad essi, peggiorando ulteriormente la situazione. Petrangeli ha poi presentato i costi di un intervento di rifacimento totale di un ponte di quel tipo: "700.000 € il costo del ponte, completo di fondazioni; con la progettazione ed il resto si può arrivare ad 1 milione e mezzo, ovvero un costo di 4.000 €/mq, anche se un ponte a quelle cifre è un "ponte d'oro", si può fare tranquillamente con 1.500/2.000 €/mq. Non è un intervento che può avere un incidenza sulla gestione ordinaria di una città come Senigallia". Il prof. Petrangeli ha dato anche una stima dei tempi: 3 – 4 mesi per l'intero intervento. A seguito delle spiegazioni del docente, l'assessore Monachesi ha dichiarato che certi calcoli e certe stime erano in grado di farle anche gli uffici comunali. Ma come mai allora quando il Consigliere Sartini ha chiesto tali informazioni, gli è stato risposto che non erano disponibili? E soprattutto, se tali calcoli erano noti agli uffici comunali, allora era anche noto che i ponti non erano a rischio crollo. Allora, perché è stato chiuso ponte 2 Giugno?!

È evidente a questo punto che, non essendoci rischio di crollo, la chiusura è consequenziale ad un disegno politico, ma qual' è sarà mai questo disegno? Forse la pedonalizzazione del centro storico? Questa maggioranza ha forse paura di ammetterlo pubblicamente? Sapendo adesso quanto costa rifare i ponti, possiamo anche indicare all'amministrazione di Senigallia, dove e come recuperare quei soldi; per esempio, possono iniziare a farsi restituire i soldi percepiti indebitamente dai dirigenti, come richiesto dagli ispettori del MEF (circa 200.000,00 €); possono farsi restituire i soldi per lo smaltimento dalla ditta che ha conferito in discarica la preziosissima "sabbia di velluto", non ottemperando al contratto che prevedeva la separazione della sabbia, dai detriti (circa 3.000.000,00 €); potrebbe chiedere alla UISP i soldi non versati per la Piscina delle Saline, come canone concessorio negli ultimi 10 anni ed i soldi per le utenze pagate dal Comune (1.940.000,00 € ). Se gli amministratori facessero veramente bene il loro lavoro, i soldi ci sarebbero e tante irregolarità sarebbero state evitate; siccome in tutti questi anni non è prevalso l'interesse dei cittadini, ma le ambizioni dei singoli e gli interessi di parte, questo non è avvenuto. Senigallia Bene Comune ha scoperchiato la pentola e portato all'attenzione dei cittadini tante irregolarità.


da Giorgio Sartini
consigliere comunale Senigallia Bene Comune

 




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-04-2017 alle 17:05 sul giornale del 04 aprile 2017 - 758 letture

In questo articolo si parla di politica, giorgio sartini, Senigallia Bene Comune

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aH9T





logoEV