Maiolati: discarica, la controreplica a Piccioni e un 'invito a visitare la Cornacchia'

discarica moie 30/03/2017 - L’Amministrazione comunale si trova costretta a replicare all’ennesimo comunicato dell’Amministrazione di Belvedere Ostrense. Se per il sindaco Piccioni lo è, per l’Amministrazione di Maiolati Spontini non è per niente facile rispondere.


Non è facile né possibile da parte nostra liquidare come "inesattezze o superficialità" le affermazioni che smonterebbero punto su punto il nostro precedente comunicato. Non è facile né possibile quando queste affermazioni, palesemente costruite su informazioni, più che inesatte, distorte; più che superficiali, strumentali, e quando queste assumono la forma dell'offesa e dell'accusa grave.

Gli “irresponabili, paranoici” amministratori del comune di Maiolati Spontini, ai quali ricorda che "prima di tutto viene la salute degli esseri umani", che "non si gioca al lotto con la salute dei cittadini" le potrebbero ricordare che, se il nostro territorio, se la Vallesina non è più “una pattumiera costante a cielo aperto”, questo lo si deve proprio alla realizzazione della discarica La Cornacchia.
E le potrebbero anche rammentare come il nostro sindaco e quelli che lo hanno preceduto, si sono sempre adoperati perché il livello di sicurezza di tale impianto fosse sempre ai massimi livelli, superiori a quelli che la legge prevede, sia ambientale che di salvaguardia della salute.

Gli amministratori di Maiolati Spontini si sono sempre adoperati per questo. Sempre, anche quando nessuno si interessava della discarica. Sì, perché per molto tempo ed in tempi diversi, anche molti sindaci come lei si dimenticavano di questa ingombrante presenza e non sollevavano problemi legati alla questione della salute pubblica. Eppure parliamo sempre di sindaci, primi responsabili della salute pubblica.

Potremmo continuare ribadendo anche a lei, come già fatto alle persone che magari glielo hanno suggerito (ci consenta il malizioso sospetto), che il succitato ex decreto ministeriale del 1994 che classifica la discarica come "impianto insalubre di prima classe", andrebbe magari letto per intero o almeno un po’ più approfonditamente per non rischiare un’interpretazione, anche qui, distorta e strumentale.
Lei sa quanti impianti di tale tipologia sono presenti nel suo Comune? Proprio per tutelare la salute, ne fa un controllo periodico? Se veramente si preoccupa della salute dei cittadini, oltre a intervenire a sproposito sulla discarica di Moie, quali altri 2 iniziative ha intrapreso fino ad oggi?

Per la cronaca macellerie, stalle, tipografie, salumifici, distributori di carburanti, sono tutti impianti insalubri di primo grado. 

Potremmo continuare ancora, come ha fatto lei, punto su punto, ma preferiamo fermarci. Preferiamo fermarci e rivolgerle un invito, a lei ed a tutti gli amministratori del comune di Belvedere Ostrense, a incontrarci per una visita della discarica che ci risulta lei non abbia mai visitato. Quella discarica che ora, come caparbiamente abbiamo voluto, è totalmente di proprietà e gestione pubblica e che fin dall’inizio (nel 1989) ha sempre gestito gli stessi rifiuti che gestisce oggi.

L’invito a visitare la discarica sarà formalizzato ufficialmente dal sindaco Umberto Domizioli e auspichiamo possa tenersi prima della vostra eventuale prossima risposta a mezzo stampa.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-03-2017 alle 15:30 sul giornale del 31 marzo 2017 - 271 letture

In questo articolo si parla di comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini