Equilibrio Digitale: La tecnologia ci libera o ci rende dipendenti?

25/03/2017 - Inauguriamo una nuova rubrica "Equilibrio Digitale" in cui Luca Conti in una chiacchierata di pochi minuti analizzerà il rapporto con le nuove tecnologie per aiutarci ad usarle al meglio senza venirne sopraffatti.

Ascolta "S1E1. La tecnologia ci libera o ci rende dipendenti?" su Spreaker.

La tecnologia non è positiva o negativa, ma neanche neutrale. Chi immagina e sviluppa applicazioni e servizi web ne influenza l’uso, a volte senza rendersene conto. Le notifiche, come concetto, sui social network e sullo smartphone, sono pensati come servizio utile a non perdersi gli aggiornamenti, ma fanno leva su un meccanismo psicologico di ricompensa casuale che determina dipendenza. Le abitudini che reputiamo essere dannose per la nostra attenzione, per le relazioni, per la produttività, possono essere cambiate, riconoscendo i segni e sostituendole con altre abitudini positive e piacevoli.
Interventi di Charles Duhigg, Seth Godin e Nir Eyal.
Per link e contenuti aggiunti su questa puntata vai sul sito http://pianop.it.





Questo è un articolo pubblicato il 25-03-2017 alle 12:42 sul giornale del 27 marzo 2017 - 864 letture

In questo articolo si parla di cultura, luca conti, mediazione familiare, E se bastasse un battito, articolo, Equilibrio digitale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aHPl

Leggi gli altri articoli della rubrica Equilibrio Digitale





logoEV