Confcommercio sui rifiuti spiaggiati: "Un'emergenza da affrontare"

15/03/2017 - I rifiuti spiaggiati, e i possibili aumenti della Tari derivati dalla conseguente rimozione, sono un'emergenza da affrontare nell'immediato per consentire a Senigallia di arrivare al meglio all'avvio della stagione estivo-balneare.

Per far fronte a questa problematica la Delegazione Confcommercio di Senigallia lancia una proposta che è stata condivisa con le diverse categorie di rappresentanza, e con l'Associazione Confcommercio Albergatori Senigallia, e che coinvolge la città visto e considerato che la spiaggia è un bene comune. Secondo Confcommercio Marche Centrali Senigallia il Comune di Senigallia deve muoversi al più presto per la rimozione dei rifiuti spiaggiati per permettere la sistemazione dell'arenile che deve essere pronto per l'avvio della stagione.

E' evidente che un intervento del genere potrebbe comportare un aumento generalizzato dei costi della Tari ma c'è la possibilità di evitarlo attraverso l'attivazione di un fondo di solidarietà di 460 mila euro che potrebbe essere utilizzato per calmierare le tariffe. L'importanza di mantenere la spiaggia di Senigallia al centro dell'attrattiva turistica è sotto gli occhi di tutti. Il tessuto economico locale non può permettersi di perdere un valore così importante per questo è fondamentale che ci sia unità di intenti per preservare, tutelare e sviluppare questo bene al servizio del territorio. Confcommercio Marche Centrali Delegazione di Senigallia conferma poi il proprio impegno nell'intraprendere tutte le azioni possibili per una riduzione della Tari che è un fardello molto pesante per le Imprese.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-03-2017 alle 14:25 sul giornale del 16 marzo 2017 - 1618 letture

In questo articolo si parla di economia, confcommercio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aHrX





logoEV