Ostra e Trecastelli: ancora sport e vita per gli studenti con Sintini, Rose Bianche sull'Asfalto e Agende Rosse

22/02/2017 - Proseguono a pieno ritmo le attività della scuola secondaria di I° di Trecastelli e della scuola “Menchetti” di Ostra, finalizzate a promuovere la riflessione sul senso della vita e la crescita dei nostri ragazzi attraverso incontri e testimonianze dal mondo dello sport e dei valori vissuti in prima persona.

Dopo l’incontro tenuto a Ostra lo scorso 23 gennaio con gli atleti Bari e Birarelli che si sono raccontati ai ragazzi attraverso una brillante intervista guidata dal giornalista Ciro Montanari, mercoledì 1 marzo sarà poi la volta di un altro grande dello sport: Giacomo Sintini, invitato con Bari e Birarelli ma che per motivi di lavoro non è potuto intervenire in quella data. Giocatore di pallavolo nella serie A con il ruolo di palleggiatore in varie società dal 1998 al 2011, con presenze anche in nazionale (e un oro al campionato europeo del 2005) e premi come miglior palleggiatore (nel 2005-2006 e 2010), il 1 giugno 2011 ha visto drammaticamente interrotta la sua carriera sportiva da una diagnosi di tumore al sistema linfatico.

Dopo un anno di terapie e un intervento di trapianto di cellule staminali, è tornato sui campi con la squadra del Trentino Volley come secondo palleggiatore, arrivando a giocare interamente la finale per lo scudetto (in seguito ad un infortunio del primo palleggiatore Raphael) nella quale è stato nominato MVP della partita, contribuendo a vincere il terzo scudetto della squadra trentina. Dopo aver sconfitto il cancro, Giacomo Sintini ha dato vita ad un’Associazione che porta il suo nome ed ha l’obiettivo di raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro e l’assistenza ai malati onco-ematologici, come racconta anche nel suo libro “Forza e coraggio”.

L’incontro con gli alunni delle due scuole sarà sicuramente un’occasione importante per ciascuno di loro per comprendere come la forza, l’energia impiegate nello sport, la vicinanza degli amici e la professionalità dei medici, unitamente all’amore per la famiglia e a una grande fede in Dio possono fare squadra per vincere la partita più importante con la vita. Un altro appuntamento significativo, nelle giornate di venerdì 3 e sabato 4 marzo, vedrà i ragazzi delle due scuole ancora insieme per il progetto “Agende rosse”, finalizzato a diffondere la cultura della legalità e sensibilizzare i giovani alle tematiche antimafiose; gli alunni incontreranno Angelo Corbo, agente della scorta del giudice Falcone sopravvissuto alla strage di Capaci e, in seguito, assisteranno ad uno spettacolo teatrale dal titolo “Lo scudo invisibile-cosa andò storto quel 23 maggio”, di Eugenio Nocciolini e Angelo Corbo alla Fenice di Senigallia.

Ancora un evento particolarmente significativo, riguarderà sabato 25 febbraio gli alunni delle classi terze della scuola di Trecastelli che incontreranno Vittorio Saccinto e i ragazzi dell’Associazione “Rose bianche sull’asfalto” per guardare insieme il docu-film “Ogni giorno” su Francesco Saccinto ucciso la sera del 10 settembre 2013 da un uomo ubriaco e senza patente che lo ha investito con l’auto mentre era alla guida del suo motorino, e riflettere insieme sul valore della vita e sensibilizzare i giovanissimi contro l’uso e abuso di sostanze stupefacenti e alcol. Alla realizzazione del docu-film hanno partecipato gli amici di Francesco, la sua famiglia e la Polizia Stradale creando un video che non solo tratteggia un bel ricordo di “Saccio” visto con gli occhi di chi lo conosceva bene, ma porta anche a conoscere meglio il lavoro degli agenti della Polizia Stradale e a comprendere quanto questi siano a servizio della cittadinanza (e degli stessi ragazzi) per tutelare la sicurezza e la salute di ciascuno.

Una settimana di certo piena, un ricco calendario di eventi, incontri, testimonianze che forse distoglieranno un po’ l’attenzione dei ragazzi dal classico programma scolastico ma che sicuramente rispondono alle esigenze educative urgenti che più che mai in questo momento storico vedono i nostri giovani bisognosi di un richiamo ai valori, a insegnamenti ed esempi di vita dati da testimoni credibili che sappiano comunicare la vera gioia di vivere (contro una pseudo-cultura dello sballo) e i valori del sacrificio e dell’impegno (contro il disinteresse e disimpegno troppo diffusi) per costruire per se stessi e per gli altri un futuro più vivibile e sereno, attraverso un’esperienza di vita scolastica che, ci auguriamo, resterà positivamente nella loro memoria e nel loro cuore.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2017 alle 17:37 sul giornale del 23 febbraio 2017 - 1920 letture

In questo articolo si parla di attualità, ostra, trecastelli, Barbara Lilli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGIn





logoEV