Mediazione al centro: una nuova associazione per la gestione delle conflittualità familiari

Famiglia 20/02/2017 - Da qualche mese, nel nostro territorio è sorta un’associazione di promozione sociale per la divulgazione della mediazione familiare: l’associazione “Mediazione al Centro”; fondata da sei professioniste marchigiane.

Il principale obiettivo dell’associazione è quello di diffondere la cultura della gestione del conflitto e della mediazione quali metodi di risoluzione costruttivi delle controversie che si possono sviluppare all’interno del nucleo familiare. Il primo passo intrapreso da questa Associazione è l’apertura di alcuni sportelli informativi dislocati nei territori di Senigallia, Fano e Pesaro. La mediazione familiare è uno strumento per la riorganizzazione delle relazioni di coppia in vista o in seguito alla separazione o divorzio; è uno strumento atto ad assistere il processo di separazione dei coniugi permettendo loro di convertire in modo costruttivo la conflittualità e di riorganizzare la loro vita ritrovando equilibrio e stabilità. Il principale fine è la realizzazione e il mantenimento di un contesto in cui siano gli stessi coniugi a costruire ed ottenere una stabile rinegoziazione del rapporto in vista della separazione in modo che, in presenza dei figli, il passaggio da coppia coniugale a coppia genitoriale, avvenga riducendo ed eliminando il conflitto troppo spesso improduttivo e dannoso per tutte le componenti del nucleo familiare.

Si rivolge a coppie sposate, conviventi, con o senza figli; che siano in crisi, in fase di separazione o già separate, famiglie ricostituite e a tutti coloro che si trovano in situazioni di conflitto nell’affrontare relazioni diverse, che possano interferire nell’ambito familiare. Il mediatore familiare garantisce imparzialità, qualificazione certificata, competenze specifiche, massima riservatezza e autonomia rispetto all’ambito giudiziario. Facilita la comunicazione e il confronto fra partners in riferimento agli aspetti relativi alle relazioni con i figli, su questioni che riguardano l’educazione, l’istruzione, la salute, il mantenimento, il tempo libero, le frequentazioni, l’organizzazione della presenza di ciascuno accanto ai figli; agevola la risoluzione di altre problematiche oggetto di disaccordo e fonte di forte stress come per esempio le questioni economiche e tiene sempre presente le diverse esigenze di coppia. Il percorso di mediazione si propone di far in modo che siano le persone stesse ad elaborare un programma di separazione, che soddisfi le loro esigenze e che tenga in dovuta considerazione i figli, esercitando così la comune responsabilità genitoriale. La mediazione offre un luogo neutrale in cui i soggetti, imparano autonomamente a rinegoziare la relazione di coppia, mantenendo inalterato o in alcuni casi creando ex novo o migliorando il rapporto genitoriale.

Le relazioni familiari saranno pertanto trasformate e non spezzate, orientate verso prospettive future più costruttive e realistiche. Il lavoro di mediazione familiare si articola in una serie di incontri (10-12), aiuta padre e madre a comunicare efficacemente sulle questioni che riguardano i figli, i quali solitamente non partecipano alle sedute di mediazione, salvo casi particolari, valutabili di volta in volta dal mediatore stesso. Gli accordi sono negoziati e definiti da entrambi i genitori e non imposti da terze persone, pertanto hanno maggiore possibilità di essere rispettati e di durare più a lungo; non sono immutabili nel tempo, bensì possono essere rivisti e modificati da entrambi i genitori qualora sorgano esigenze differenti o semplicemente siano cambiate le condizioni iniziali. In conclusione possiamo dire che è un percorso riservato, protetto dal segreto professionale e autonomo dall’iter legale della separazione.

La nostra Associazione ha avviato diverse collaborazioni con alcune realtà del territorio quali Agorà soc. cooperativa di Senigallia e le Acli Provinciali di Pesaro e Urbino aprendo presso le loro sedi degli sportelli informativi. Per maggiori informazioni visitate il sito www.mediazionealcentro.it o contattate il seguente numero 3703406289.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-02-2017 alle 16:31 sul giornale del 21 febbraio 2017 - 857 letture

In questo articolo si parla di attualità, famiglia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGC6