Corinaldo: il sindaco Principi sulla questione rifiuti, 'Errori grossolani e disinformazione generano confusione'

18/02/2017 - In questi giorni, in particolar modo attraverso la stampa locale, si è tornato a parlare delle questioni riguardanti la gestione del ciclo dei rifiuti e, contestualmente, dei lavori di ampliamento dell'impianto di smaltimento di San Vincenzo.

È giusto che si apra un dibattito, anche pubblico, su queste tematiche a patto che si parli (e si scriva) con precisione ed onestà intellettuale. Il tema è importante e non può, come accaduto anche oltre i confini corinaldesi, essere affrontato con superficialità: errori grossolani e disinformazione di fondo generano solo confusione.

Nel corso degli ultimi anni, proprio per evitare questo approccio semplicistico e sbagliato alla questione rifiuti, l'Amministrazione comunale si è adoperata in tantissimi modi per coinvolgere, informare e spiegare, passo dopo passo, tutti i progetti in essere. Si ricordano solamente gli incontri pubblici già ad ottobre 2013, quelli specifici presso la località San Vincenzo nell'ottobre 2014, un intero numero del periodico di informazione comunale dedicato all'ambiente e ai rifiuti agli inizi del 2015 e, non ultima, la Settimana dell'Ambiente dello scorso novembre 2016, ove si è parlato di questo tema sotto i più svariati aspetti. E, soprattutto, l'argomento è stato affrontato dallo stesso Consiglio Comunale.

Entrando nel merito della questione relativa al nuovo argine della discarica, la discussione è stata affrontata e approfondita durante la seduta consiliare dello scorso 31 gennaio, dalla quale è scaturita una risposta chiara ai legittimi quesiti posti da alcuni consiglieri.

Non sussiste, in primo luogo, alcuna problematica o criticità di carattere ambientale; il fenomeno rilevato consistente nel cedimento di una circoscritta parte dell'argine in fase di costruzione, è infatti relativo ad un'opera pubblica in fase di realizzazione e non ancora resa funzionale, quindi non ancora predisposta per l'abbancamento di rifiuti. La problematica non rileva sotto il profilo ambientale in quanto trattasi di un'opera pubblica ancora in fase di esecuzione non ancora collaudata funzionalmente e che, fin dalla sua insorgenza, è stata affronta con tempestività e responsabilità da parte di tutti i soggetti interessati all'esecuzione dell'opera D.L. , Impresa, collaudatore, Rup, ecc.

I costi evidenziati anche in Consiglio Comunale rientrano nel quadro economico dell'intero progetto già finanziato, in assenza di maggiorazione della spesa a carico del bilancio comunale, e si riferiscono ad indagini dettagliate sulla situazione geologica delle opere realizzate e, in particolar modo, all'inserimento di sistemi di monitoraggio, in aggiunta a quelli già previsti dalle varie autorizzazioni, che rispondono al pubblico interesse, tutelato dall'Ente, volto a garantire la gestione del sito in condizioni di assoluta sicurezza.

In merito alla continuità dell'impianto di smaltimento, come noto, l'intero progetto è stato previsto fin dall'origine per stralci funzionali e, di conseguenza, l'apporto continuativo dei rifiuti in discarica non è mai stato in discussione.

Infine, una doverosa precisazione sulla Tari. La tassa rifiuti finanzia i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti e la normativa prevede che le tariffe debbano essere calcolate in modo tale da coprire integralmente i costi di investimento e di esercizio.

Il nostro Piano Finanziario 2017 ha visto un aumento complessivo dei costi di gestione rifiuti di quasi 22.000 Euro (non 40.000) che portano ad un aumento del 2,9%, in media, della tariffa pagata dai cittadini. Quest'aumento è dovuto all'aggravio dei costi per il pretrattamento e per la raccolta differenziata. Tali sono i fatti concludenti: a nulla rileva la paventata commissione fra la gestione di un'opera pubblica con la conduzione di un servizio ai cittadini.

In conclusione, che il dibattito e la discussione sul tema dei rifiuti e sul ciclo di smaltimento possa trovare già da oggi e in futuro nuovi momenti di confronto e di dialogo, è una prospettiva che come Sindaco ho sempre sostenuto e sosterrò ancora. Le porte del Comune di Corinaldo sono sempre aperte al dialogo, in particolar modo su un tema così delicato, a patto che ci si confronti su una base comune e veritiera.


da Matteo Principi
sindaco di Corinaldo




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2017 alle 19:23 sul giornale del 20 febbraio 2017 - 10663 letture

In questo articolo si parla di rifiuti, politica, comune di corinaldo, corinaldo, matteo principi e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aGz6


Copio ed incollo la sua frase per parlare di TARI non entrando in merito alle vs. questioni locali:
"Infine, una doverosa precisazione sulla Tari. La tassa rifiuti finanzia i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti e la normativa prevede che le tariffe debbano essere calcolate in modo tale da coprire integralmente i costi di investimento e di esercizio."

Questo concetto lo si sapeva da anni (almeno tra gli Amministratori) ed è giusto che sia così in quanto è uno dei tanti servizi che il cittadino deve pagare equiparandolo alle bollette di luce, gas, acqua ecc...
Proprio per questo motivo le Amministrazioni, in quanto rappresentanti dei cittadini, DOVEVANO ai tempi pensare di organizzare al meglio tutto il sistema gestione rifiuti affinchè si ottimizzasse al massimo l'intero costo complessivo. Esisteva anche un CIR33 pagato da noi che in teoria doveva lavorare con voi raccogliendo più informazioni possibili per ottenere risultati al minor costo possibile sia monetario che ambientale.
Quando una tariffa/tassa tocca appieno TUTTI i cittadini si deve partire dal BASSO proprio per far si che sia accessibile a tutte le tasche.
Infatti, con l'avvio della differenziata, che, se fatta bene, porterebbe ad un mancato SMALTIMENTO (una delle due voci che compongono la tassa dei rifiuti ) fino al 90%.
Perchè allora il costo totale del sistema è aumentato a dismisura ? Andiamo avanti.
Rimane il Servizio che è composto dalla Raccolta e Trasporto a discarica o impianti vari di destino.
E' su questo punto che avete sbagliato "in maniera grossolana", a mio avviso, in primis il tuo collega di Senigallia in accordo con Cecchettini dell'ex CIR33,
Grazie all'appalto in corso dato alla RIECO parte del riciclato diventa di proprietà dell'azienda perchè te lo viene a prendere a casa oltre ai costi in aggiunta del servizio CAPILLARE; l'organico mal gestito da sempre invece di avere un incasso, ha un costo di smaltimento superiore al grigio....ed ecco dimostrato che quel 90% non solo se ne va a benedire ma ci costa anche di più di prima di quando non c'era la differenziata.
Non so quanto Lei si sia dato da fare al riguardo ma Le assicuro che io si , raccogliendo informazioni ed esperienze in varie parti d'Italia.
In ogni caso Voi Amministratori a suo tempo avete sempre promesso una riduzione, come giusto che sia, della tassa sui rifiuti proprio per questo impegno dei cittadini ma poi non è stato così ed io l'avevo già scritto da anni......Le assicuro non ho poteri particolari ma semplicemente ho raccolto informazioni ed incrociato i dati.
E' normale quindi che qualcuno si arrabbi, che v'aspettavate ?
Quindi, se fa riferimento ai miei commenti , indichi quali sono secondo Lei gli errori grossolani o cattiva informazione invece di essere vago, lo preferisco e poi mi sono sempre posto a disposizione per qualsiasi chiarimento.

In ogni caso, come detto in un'ultimo mio commento redatto da Fratelli d'Italia, se il Comune è composto dalla maggiornaza di cittadini benestanti e che gli sta bene questo servizio e questi costi con tutto quello che comporta a seguire..........alzo le mani ovviamente.

A disposizione come sempre

paolofiore

Avendo spesso letto quello che scrive Paolo Fiore, direi che varrebbe la pena sentire cosa ha da proporre.

In ogni caso mi piace questo comunicato, che ha un tono chiaro e circostanziato per cercare di chiarire la situazione.

Grazie Daniele....anche se presumo che un'idea penso di averla data.

Condivido con te la chiarezza della parte di articolo che non ho toccato.




logoEV