Trecastelli: minaccia di morte la moglie con un coltello, 49enne arrestato dai Carabinieri

31/01/2017 - I Carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno arrestato un quarantanovenne residente a Trecastelli, meccanico, per il reato di maltrattamenti in famiglia.

Lunedì sera, l’uomo, all’interno della propria abitazione, in preda ad uno stato di agitazione psicofisica, per futili motivi scatenati da problemi economici, ha minacciato con un grosso coltello da cucina la moglie costringendola a rifugiarsi nella cameretta della figlia minorenne e a chiudere la porta a chiave. Poi il 49enne prende il telefono e chiama i Carabinieri annunciando di voler uccidere la moglie. Sul posto è stata inviata immediatamente la pattuglia della Stazione di Corinaldo agli ordini del Maresciallo Francesco Gagliardi. Appena varcata la porta di ingresso, i Carabinieri si sono trovati difronte il 49enne, che subito gli si è avventato contro pronunciando parole di minaccia.

Lo stesso con non poca fatica è stato ricondotto alla ragione. Quando tutto sembrava essersi risolto per il meglio, dalla porta del soggiorno è comparsa la moglie. Alla sua vista l’ira del 49ennne si è riaccesa all’istante e nonostante i Carabinieri lo tenessero bloccato l’uomo è comunque riuscito a colpire con un violento spintone la moglie facendola barcollare e costringendola nuovamente a cercare riparo questa volta nel salotto. Anche sotto la stretta dei militari l’uomo ha continuato ad agitarsi urlando ripetute minacce di morte all’indirizzo della moglie, tanto da costringere i Carabinieri a condurlo in caserma per farlo calmare.

La successiva perquisizione a casa ha consentito anche di recuperare, infilzato su un tavolo di legno, il grosso coltello da macellaio utilizzato per minacciare la donna. Nel corso del diverbio l’uomo aveva rovesciato a terra un mobile-scarpiera, rotto un interruttore della corrente e gettato per aria uno stendino con i panni appena stesi ad asciugare. Il coltello è stato sottoposto a sequestro. Le indagini, condotte anche attraverso il racconto della moglie e delle figlie, hanno permesso di appurare che il 49enne, da circa un anno, nell’ambito delle relazioni domestiche, aveva perpretato comportamenti abituali caratterizzati da ripetute condotte violente e prevaricatrici nei confronti della moglie anche in presenza delle figlie.

L’uomo, dichiarato in stato di arresto, al termine delle formalità di rito è stato condotto nel carcere di “Montacuto” a disposizione della Procura della Repubblica dorica.





Questo è un articolo pubblicato il 31-01-2017 alle 15:26 sul giornale del 01 febbraio 2017 - 5315 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, violenza, trecastelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aFYa