“Sconfinati”: la Scuola di Pace riparte

23/01/2017 - Si riparte con stile e il solito grande impatto sociale per questo nuovo anno grazie alla Scuola di Pace Vincenzo Buccelletti: il primo incontro della storica associazione no-profit di Senigallia, che promuove azioni di pace e di cultura della pace, nato sotto il titolo che accompagna l’intera annata 2016/2017, “Sconfinati”, sarà giovedì 26 gennaio.

Alle ore 17.30 presso la Biblioteca Antonelliana infatti verrà presentato al pubblico il programma annuale della Scuola, assolutamente attuale nei suoi temi chiave – Siria, donne, bambini, fronti e frontiere – e per l’occasione si potrà assistere al reading musicale “Vita mia”, cantato dall’attore Fausto Caroli e accompagnato dalle note suonate da Nicola Principi al violino, liberamente ispirato al commovente e coraggioso libro “Lacrime di sale” di Pietro Bartolo, medico di Lampedusa che aiuta i migranti, e Lidia Tilotta, giornalista Rai.

Proprio da giovedì 26 gennaio e fino a sabato 4 febbraio sarà possibile visitare alla Biblioteca la mostra dei bellissimi disegni di Francesco Piobbichi, i “disegni della frontiera”, che l’operatore sociale e artista Piobbichi ha creato ispirandosi alle scene quotidiane vissute a Lampedusa e alla frontiera del Mediterraneo. Si tratta di opere che puntano il dito contro il razzismo e la guerra tra poveri, che usano uno sguardo profondo per raccontare l’ingiustizia e l’indifferenza che uccide, che ci colpiscono in un modo originale, grazie a un uso intenso del colore e a titoli evocativi. I disegni di Piobbichi sono acquistabili e il ricavato sarà interamente devoluto al progetto Corridoi umanitari dell’associazione Mediterranean Hope per cui Piobbichi opera.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-01-2017 alle 21:22 sul giornale del 24 gennaio 2017 - 556 letture

In questo articolo si parla di cultura, Scuola di pace V. Buccelletti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aFIT





logoEV