Ortiamo: nuove tecnologie per un ritorno al passato

23/01/2017 - Le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione negli ultimi anni hanno cambiato rapidamente il nostro modo di vivere e continueranno a farlo nei prossimi anni.

Per stabilire quanto questo abbia portato ad un effettivo miglioramento, occorre tuttavia fare dei distinguo; sicuramente l’utilizzo delle nuove tecnologie fine a sé stesso è cosa da rifuggire. Consideriamo ad esempio l’utilizzo di alcune applicazioni con finalità ludiche che prevedono la coltivazione di orti virtuali in cui l’utente deve piantare, innaffiare, raccogliere; l’uso e soprattutto l’abuso di queste può portare ad un distacco paradossale dalla vita reale: pensate a dei bambini che presi dal gioco on line e con lo scopo di accudire le proprie fattorie virtuali, trascurano la possibilità di passare ore all’aria aperta a contatto con la natura.

Anche per contrastare questo è nato il progetto Ortiamo, che prevede l’utilizzo di una piattaforma on line (www.ortiamo.it) per la realizzazione di un orto virtuale, al quale, però, corrisponde un orto reale realizzato da un fattore seguendo le indicazioni dell’”ortista”, il quale potrà a seconda del servizio scelto, partecipare alla coltivazione, magari anche con i propri bambini, o farsi consegnare le verdure a domicilio.

E quest’ultime, venendo coltivate come avrebbero fatto i nostri nonni, saranno sicuramente buone e sane.
Le nuove tecnologie pertanto, tornano ad essere un mezzo per migliorare la vita e non il fine della vita stessa.
Ortiamo è ormai operativo dal 2015 quando ha vinto l’oscar green della Coldiretti nella categoria “fare rete” con appunto una rete di fattori in alcune aree del nord delle Marche ed in alcune zone dell’Emilia Romagna; da quest’anno opererà anche nella zona di Senigallia/Mondolfo.

Per info:
info@ortiamo.it
segreteria adozioni: 338.1240474
www.ortiamo.it







Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 23-01-2017 alle 11:41 sul giornale del 24 gennaio 2017 - 764 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, pubbliredazionale, Maurizio Lodico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aFHt