Controlli straordinari di Polizia: espulso un marocchino ed arrestato un senigalliese per droga

Polizia di Stato 113 19/01/2017 - Mercoledì il personale del Commissariato di Polizia di Senigallia è stato impegnato in mirati controlli del territorio finalizzati al contrasto dell’immigrazione clandestina. Durante tali servizi sono stati controllati numerosi stranieri presenti sul territorio sia nel corso dei posti di controllo effettuati, lungo la rete viaria, dal personale di Polizia che presso le abitazioni in uso a stranieri.

Rintracciato un uomo di origini marocchine, H.N. di circa 40 anni domiciliato a Montemarciano, il quale, dopo aver scontato un periodo di carcerazione per traffico internazionale di stupefacenti, è stato raggiunto da un provvedimento di espulsione, come misura di sicurezza, da parte dell’autorità giudiziaria. Il soggetto, tra l’altro, oltre al provvedimento giudiziale di espulsione, è risultato già essere destinatario di una espulsione prefettizia con intimazione a lasciare il territorio dello Stato mai ottemperata.

L’uomo è stato condotto presso gli uffici del Commissariato e, dopo gli accertamenti, è stato portato a Bologna da cui il personale di Polizia ha provvisto a scortarlo fino in Marocco per il rimpatrio. Qui è stato preso in consegna dalle locali autorità. Tale attività si inserisce nel quadro di un più complessivo impegno diretto alla individuazione di soggetti extracomunitari privi di titolo di soggiorno in Italia per i quali vi siano le condizioni di legge per l’immediata espulsione dal territorio. In questo senso, anche nei prossimi giorni verranno attuati specifici servizi diretti all’efficace contrasto del fenomeno dell’immigrazione clandestina.

Nel corso dei controlli straordinari effettuati dagli agenti del Commissariato, insieme a personale della Squadra Mobile della Questura di Ancona, si è inoltre data esecuzione ad un ordine di carcerazione emesso dall’autorità giudiziaria perugina nei confronti di un uomo, L.A., originario di Senigallia di circa 50 anni. Questi, nei diversi gradi di giudizio, è risultato essere responsabile per importanti fatti in materia di detenzione di sostanza stupefacente, e dunque condannato ad una pena complessiva di 7 anni metà dei quali già scontati in fase cautelare. L’uomo, dunque, dopo gli atti di rito, è stato condotto in carcere dove dovrà scontare il rimanente periodo di reclusione.





Questo è un articolo pubblicato il 19-01-2017 alle 16:30 sul giornale del 20 gennaio 2017 - 1626 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, redazione, 113, polizia di stato, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aFBI





logoEV